🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di piĂą Clicca qui.

Haiti | ActionAid

Haiti

Diciamo NO al Land Grabbing!

Il “Land Grabbing”, o accaparramento delle terre, è un fenomeno su scala globale che vede coinvolti grandi investitori esteri che acquisiscono il controllo di enormi estensioni di terra a discapito delle popolazioni locali che non hanno più la possibilità di dire la propria opinione e violando uno dei fondamentali diritti umani come quello dell’accesso al cibo.

In seguito al terremoto del 2010, la ricostruzione ha rappresentato per questi investitori, un’occasione importante per promuovere progetti che hanno causato l’accaparramento di terre fertili fondamentali per il sostentamento delle popoli locali. Tutto questo con l’appoggio e il benestare di importanti agenzie di sviluppo internazionali e del governo haitiano.

250 ettari di terra già espropriati - 366 famiglie rimaste senza terra!

ActionAid, grazie anche all’aiuto di tanti sostenitori, sta portando avanti un progetto in sei Regioni del Paese con l’obiettivo di:

  • Sostenere la societĂ  civile e i movimenti contadini che combattono contro l’accaparramento della loro terra.
  • Rafforzare la capacitĂ  dei piccoli produttori locali di realizzare un’agricoltura sostenibile per sfruttare al meglio le risorse.
  • Fare pressione sul governo di Haiti affinchĂ© avvii un processo di riforma agraria per migliorare l’accesso alla terra e il controllo da parte delle comunitĂ  locali.

Alcuni esempi di cosa faremo con il tuo contributo:

  • 100 euro per sensibilizzare e formare dieci donne riguardo i propri diritti sull’accesso alla terra.

  • 350 euro per fornire gli strumenti necessari alla mobilitazione contro il “Land Grabbing” di 366 famiglie.

  • 2.000 euro per formare una comunitĂ  sull’agricoltura sostenibile.

  • 4.300 euro per restituire ai piccoli agricoltori le proprie terre in quattro comunitĂ .

 

LE ATTIVITA' NEL PROGETTO SONO ANCORA IN CORSO

Abbiamo raggiunto l’importo necessario per coprire tutte le attività. A breve pubblicheremo un Report per descrivere il lavoro svolto e i risultati ottenuti fino ad ora. Grazie a tutti coloro che hanno donato!

 

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email