Scorri la pagina

Bolivia

Uno dei paesi più poveri del Sud America, segnato da decenni di instabilità politica e dalla forte crisi economica.

Bolivia

Uno dei paesi più poveri del Sud America, segnato da decenni di instabilità politica e dalla forte crisi economica.

Ora vendo i miei prodotti al mercato e guadagno abbastanza per mantenere tutta la mia famiglia
Mery Pinto
58 anni

Le misure di austerità imposte dal governo boliviano hanno ampliato il divario tra ricchi e poveri. I disordini sociali e l’instabilità sono così aumentati e la popolazione si trova in condizioni di estrema povertà. 

Non esistono strutture scolastiche adeguate e molti bambini non possono comunque andare a scuola perché devono lavorare per aiutare i loro genitori a mantenere la famiglia. Lo sradicamento delle coltivazioni di coca ha reso gli agricoltori ancora più poveri, perché per molti di loro quella è stata l'unica fonte di reddito per anni. In questa situazione, non è possibile sviluppare strutture sanitarie funzionanti e facilmente raggiungibili da tutti.

Com’è possibile aiutare la popolazione e migliorare queste precarie condizioni di vita?

Cambiare è possibile. Per farlo, lavoriamo al fianco di chi, ogni giorno, rivendica i propri diritti e non rimane in silenzio di fronte a queste ingiustizie, alla fame e povertà.

Cosa facciamo in Bolivia:

  • Ristrutturiamo gli edifici scolastici esistenti e ne costruiamo di nuovi vicini ai villaggi per aumentare le iscrizioni a scuola.
  • Collaboriamo con le istituzioni locali per garantire agli insegnanti una formazione adeguata, migliori condizioni lavorative e aumentare la loro presenza nelle aree rurali.
  • Lavoriamo per migliorare il lavoro dei contadini, creando cooperative, banche delle sementi e introducendo nuove coltivazioni sostenibili.
  • Realizziamo corsi di formazione professionale per giovani e per le donne, in modo da renderli autonomi e capaci di creare delle piccole attività.
  • Sosteniamo le donne nella lotta contro maltrattamenti e discriminazioni.
  • Facciamo pressione sul governo perché si impegni a migliorare l’accesso alle cure mediche per tutti.