Scorri la pagina

Emergenza Nepal

Sujeeta Bhandari ha 22 anni, vive nel villaggio di Kiul, una delle comunità più colpite dal terremoto che il 25 aprile scorso ha sconvolto il Nepal.

Sujeeta era incinta di nove mesi quando il terremoto ha colpito.

 

"Non riesco a descrivere quanto ero terrorizzata quando ho sentito il terremoto - racconta. - Ricordo ancora con terrore il frastuono prodotto dalla terra che tremava e dagli edifici che crollavano". "Ho partorito la bambina a casa di mia mamma tre giorni dopo il terremoto’ , racconta Sujeeta non ci siamo mossi per dieci giorni, per paura che potesse succedere ancora qualcosa.

Nel giorno del secondo terremoto, tutti gli abitanti del villaggio erano riuniti con ActionAid in uno spazio aperto, per progettare la costruzione di rifugi temporanei, più sicuri e puliti’.

 

Grazie al lavoro di ActionAid abbiamo ricevuto scorte di cibo, medicinale e acqua potabile. Grazie a questi aiuti, posso nutrirmi in modo adeguato e allattare la mia bambina
Sujeeta
22 Anni

Tante famiglie, come quella di Sujeeta, sono la priorità del nostro lavoro nelle zone più colpite dal terremoto. Stiamo costruendo per loro un nuovo rifugio, per assicurare a Sujeeta, alla sua bambina e a tutti gli abitanti un ambiente sicuro e confortevole.

Dona