Le emergenze e la tutela dei diritti sono questioni che riguardano tutto il mondo.

Sappiamo bene che anche in Italia esistono tante realtà nelle quali la povertà, l’emarginazione e l’ingiustizia sono elementi che minacciano la dignità umana.

I progetti di ActionAid in Italia, attuati in collaborazione con comunità locali,  associazioni, enti e aziende, hanno l’obiettivo di promuovere la giustizia sociale attraverso interventi diretti di supporto e monitoraggio, ma anche attraverso azioni di sensibilizzazione di giovani e adulti sui temi dei diritti e della povertà.

Il nostro impegno si riassume nello sforzo di migliorare la qualità della democrazia. Lo facciamo attraverso una strategia che poggia su tre pilastri: i diritti che non possono essere soddisfatti senza la redistribuzione di potere e risorse, e che continueranno a essere minacciati se non rafforziamo spazi di resilienza delle comunità.

La mappa è quindi navigabile sia a livello geografico che per pilastri. Sotto il pilastro diritti è possibile trovare i nostri progetti di lotta alla violenza sulle donne e quelli di promozione di una cittadinanza inclusiva (ovvero di integrazione di migranti e rifugiati); nel pilastro redistribuzione è possibile trovare i progetti di educazione alla cittadinanza globale e di contrasto alla povertà in Italia, a cominciare dal lavoro con i NEET, i ragazzi che non studiano né trovano lavoro. Infine nel pilastro resilienza sociale si possono trovare i progetti che promuovono la partecipazione attiva dei cittadini, il monitoraggio civico, l’azione di lobby nei confronti di istituzioni e settore privato. Un esempio all’interno di quest’ultimo pilastro è l’intervento in Centro Italia per supportare le comunità colpite dal terremoto.

Parte dei progetti contenuti nella mappa sono portati avanti grazie ai nostri attivisti. Se vuoi scoprire come fare la differenza e diventare uno di loro, puoi trovare maggiori informazioni qui.

I dati contenuti nella mappa sono inoltre scaricabili gratuitamente, perché vogliamo che la trasparenza - che chiediamo a istituzioni e settore privato come segno di responsabilità nei confronti dei cittadini - sia uno dei tratti distintivi del nostro lavoro.