Scorri la pagina

#chiediamoasilo e continueremo a farlo

il prossimo settembre riaprirà il nido aziendale comunale Cedir, per un totale di 25 posti!

Ci eravamo lasciati, quasi un anno fa, con la promessa da parte dei Commissari che i genitori a Reggio Calabria sarebbero stati coinvolti nel processo di costruzione e riorganizzazione degli asili nido pubblici. Da allora molte cose sono cambiate, a cominciare dal fatto che Reggio Calabria ha finalmente un nuovo sindaco eletto, tranne una: gli asili nido sono ancora chiusi. O meglio, il prossimo settembre riaprirà il nido aziendale comunale Cedir, per un totale di 25 posti una goccia nel mare considerando che a Reggio vivono più o meno 5.000 bambini tra 0 e 3 anni.

Per questo a novembre dello scorso anno il comitato genitori facilitato da ActionAid ha inviato una lettera di diffida al Comune di Reggio Calabria affinché provveda all’immediata istituzione degli asili d’infanzia, in modo da poter soddisfare i bisogni di tutte le famiglie che ne facciano espressa richiesta. Per conoscenza la diffida è stata mandata anche alla Regione che, in buona sostanza, ha scaricato tutte le colpe sul Comune.Insoddisfatti delle risposte ricevute, mentre il Comitato valutava se passare effettivamente dalla teoria alla pratica con l’avvio di una class action nei confronti del Comune, è arrivata la tanto attesa convocazione: adesso, a quanto pare, c’è la disponibilità da parte del Comune, non solo a discutere dell’attuale piano asili, ma anche dei piani futuri grazie ai nuovi fondi in arrivo dall'Europa.

Che dire La strada è ancora lunga e lastricata di ostacoli ma qualcosa comincia davvero a muoversi. Nel frattempo, i prossimi 20 e 21 giugno, proprio a Reggio Calabria, si sono dati appuntamento tutti gli attivisti italiani di ActionAid per la propria tradizionale Assemblea Nazionale per testimoniare, anche fisicamente, la loro vicinanza e solidarietà nella lotta per l'apertura degli asili nidi pubblici.