Scorri la pagina

Diamo “Spazio alla Responsabilità a Napoli” per una cittadinanza attiva

Quando abbiamo fondato l’associazione Spazio alla Responsabilità a Napoli, avevo due sogni che sembravano allora irrealizzabili.Il primo era di contribuire a promuovere in Campania un nuovo modello di società, basata…

Quando abbiamo fondato l’associazione Spazio alla Responsabilità a Napoli, avevo due sogni che sembravano allora irrealizzabili.Il primo era di contribuire a promuovere in Campania un nuovo modello di società, basata sulla responsabilità sociale condivisa: dalla Terra dei Fuochi alla Terra della Responsabilità.Il secondo era di mettere insieme il profit e il no-profit per uno sviluppo sostenibile del nostro territorio, per una maggiore giustizia sociale, per una maggiore responsabilità di imprese ed istituzioni. Nella mia esperienza di imprenditrice mi sono convinta che non possa esistere un’azienda veramente sana in un territorio che non lo è, e che le aziende debbano essere attori dello sviluppo non solo economico ma anche sociale del territorio in cui operano, e che debbano farlo in stretta collaborazione con associazioni ed istituzioni.Questi sogni hanno incominciato a concretizzarsi lo scorso anno, con la prima edizione del Salone Mediterraneo della Responsabilità Sociale Condivisa. Un grande successo di pubblico, ma soprattutto un primo momento in cui i vari stakeholder della nostra regione hanno incominciato finalmente a parlarsi e a confrontarsi su questi temi.Volevamo e vogliamo che Napoli e la Campania siano finalmente esempi di responsabilità sociale d’impresa, di politiche di genere serie ed efficaci, di un welfare moderno ed inclusivo, di trasparenza e di partecipazione democratica dei cittadini.Quest’anno abbiamo deciso di essere ancora più ambiziosi.La seconda edizione si terrà dal dal 27 al 29 marzo e dal 4 al 6 aprile alla Mostra d’Oltremare di Napoli, in contemporanea ed in sinergia con due dei più importanti eventi fieristici in città: EnergyMed e Borsa Mediterranea del Turismo.Quest’anno abbiamo allargato i settori d’impegno all’agricoltura sociale, all’editoria responsabile, al packaging sostenibile. Abbiamo organizzato oltre trenta appuntamenti tra convegni e workshop, che abbracciano quasi tutti i temi della responsabilità sociale condivisa.Il programma è pubblicato sul nostro sito www.spazioallaresponsabilita.itInsieme a noi ci sarà un numero ancora maggiore e qualificato di istituzioni ed enti sia nazionali che locali e tra queste soprattutto ActionAid.L’incontro con ActionAid è stato per noi naturale.Il lavoro di ActionAid per la promozione della cultura dell’accountability è per noi un contributo prezioso, sia in termini di esperienza che in termini di coerenza.Quest’anno la collaborazione sarà ancora più forte, grazie in particolare sia al convegno di ActionAid su Accountability, Open Data, ipotesi dissesto del 4 aprile, sia al contributo che ActionAid ha dato e darà al convegno sul ruolo dei Media per la diffusione della RSC del 29 marzo.Per questo motivo, come associazione Spazio alla Responsabilità, abbiamo deciso di sostenere il lavoro di ActionAid per il progetto Nuova cittadinanza’, con cui ActionAid realizzerà un ciclo di laboratori di cittadinanza attiva nelle provincie campane.Perché per cambiare il nostro territorio dobbiamo ripartire anche dall’educazione e dalla formazione. E sono convinta che questa collaborazione darà un contributo fondamentale per provare a cambiare il nostro territorio.