Scorri la pagina

Evacuazioni di massa nelle Filippine a causa del tifone Hagupit

Decine di migliaia di persone hanno evacuato le loro case a causa del tifone Hagupit, meglio conosciuto come tifone Ruby che sta devastando le Filippine. Hagupit si sta muovendo con…

Decine di migliaia di persone hanno evacuato le loro case a causa del tifone Hagupit, meglio conosciuto come tifone Ruby che sta devastando le Filippine. Hagupit si sta muovendo con una velocità di 250 chilometri l’ora. Sta raggiungendo le province orientali e del Nord Samar e la città di Tacloban, proprio dove un anno fa migliaia di persone sono state uccise dal tifone Haiyan.Hagupit è arrivato sabato notte. La notte l’ha reso più terrificante alla vista delle persone in fuga, ma non solo, ha reso molto più impegnative le operazioni di soccorso.Paura e panicoGli operatori umanitari che si trovano ora nelle Filippine hanno riferito che la gente, presa dal panico, ha fatto incetta di cibo e di kit di emergenza come torce, batterie, radio, candele e teli di cellophane. Reduci dalla precedente esperienza le persone sono comprensibilmente molto impaurite e in molte aree hanno iniziato a evacuare senza attendere l’aiuto dei mezzi di soccorso.Nelle ultime 48 ore ActionAid ha lavorato con le persone in Cebu Nord, Iloilo, Leyte, Antico, orientale e occidentale Samar per aiutare le famiglie a evacuare in siti più sicuri, come chiese, scuole e in un centro di evacuazione costruito in Iloilo, distribuendo loro kit per la fornitura di cibo e materiale di primo soccorso.Gli abitanti di Cebu Nord e Lloilo si sono dimostrati molto collaborativi e pronti, grazie anche al fatto che negli ultimi mesi ActionAid ha collaborato alla formazione di 16.000 persone nella risposta alle emergenze, compresa la pratica di evacuazione, ricerca, salvataggio e primo soccorso.La gente aveva appena iniziato a riprendersi dal devastante impatto del tifone Haiyan dello scorso anno, che ha colpito 14 milioni di persone, ne uccise più di sei mila e ha causato quattro milioni di sfollati. Molte persone vivono ancora in rifugi temporanei. Altre hanno parzialmente ricostruito le loro case e ora rischiano di vedere di nuovo tutto distrutto’Nel periodo immediatamente successivo al tifone Haiyan ActionAid aiutato più di 160.000 persone tra le più vulnerabili, inclusi gli orfani, ragazze madri, gli anziani con disabilità e le persone che vivevano nelle zone più lontane e difficili da raggiungere. Il tifone Ruby potrebbe devastare queste comunità ancora una volta.In questi giorni il Tifone Ruby (Hagupit) sta passando sopra le Filippine, ma si è indebolito di forza e ha raggiunto l’intensità di una tempesta tropicale. Si prevede che lasci le Filippine da Mercoledì / Giovedì di questa settimana. Il governo stima che 1,18 milioni persone saranno colpite. Dal 7 dicembre circa 142.552 famiglie (678.879 persone) sono state evacuate nella regione Visayas orientale. La Croce Rossa delle Filippine ha confermato che ventisette persone sono state uccise sull’Isola di Samar orientale, dove il tifone ha abbattuto case, sradicato alberi e tagliato completamente ogni comunicazione. La comunicazione rimane una sfida, limitando le informazioni tra i comuni nel territorio del nord-est e la provincia di Nord Samar le operazioni di soccorso sono difficili e la possibilità di salvare delle vite umane diventa sempre meno concreta. Anche l'accesso all’Isola di Barangays è impossibile a causa del mare in tempesta.Le zone dove ActionAid Filippine opera fortemente interessate sono Cebu Nord, Leyte e Samar.La risposta di ActionAidActionAid Filippine, insieme ai vari partner locali, sta distribuendo generi di soccorso immediati tra cui riso, cibo in scatola, acqua e caffè e kit igienici a tutte le persone che si presentano nei centri di evacuazione. Inoltre, sta implementando il personale per monitorare le zone colpite e agevolare le operazioni di soccorso fornendo resoconti giornalieri sull’andamento dell’emergenza.Dai anche tu il tuo contributo per contrastare l’Emergenza nelle Filippine.