Scorri la pagina

L’8 Marzo degli Attivisti di ActionAid

Essere donna è così affascinante. È un’avventura che richiede un tale coraggio, una sfida, che non finisce mai. (Oriana Fallaci).L’8 marzo, per le donne, è un giorno speciale. Mimose, auguri,…

Essere donna è così affascinante. È un’avventura che richiede un tale coraggio, una sfida, che non finisce mai. (Oriana Fallaci).L’8 marzo, per le donne, è un giorno speciale. Mimose, auguri, uscite tutte al femminile ma anche, e soprattutto, il ricordo delle conquiste sociali, politiche ed economiche ottenute faticosamente nel corso degli anni. La Giornata internazionale della donna è un’occasione unica per dare voce alle donne che non ce l’hanno, per richiamare l’attenzione sulle discriminazioni e le violenze che molte di esse sono ancora costrette a subire, in molte parti del mondo.È esattamente quello che hanno fatto i nostri attivisti sul territorio; e lo hanno fatto nei modi più diversi, creativi e originali, per far arrivare questo messaggio positivo a più persone possibili. Dal teatro al canto, dai flash mob, dalle collaborazioni con le scuole ai video con i bambini’e sono solo alcuni esempi!Il Gruppo Locale di Roma ha voluto celebrare la "Festa della Donna" con uno spettacolo teatrale liberamente ispirato alla letteratura femminile afgana, La ragazza afghana’, messo in scena lunedì 9 marzo nella prestigiosa location del Teatro dei Satiri di Roma.Il teatro documentario interpretato dagli attori e attivisti Rosario Gargiulo, Vincenzo Longobardi e Rosa Inserra, mette in luce i drammi di giovani donne prigioniere di un terra che ancora le vede pura merce di scambio. Una terra che le priva di qualsiasi forma di dignità. Una terra ancora pervasa da un antico e irrazionale retaggio culturale che pone l’uomo in condizione di assoluta e incondizionata superiorità rispetto alle donne.Il ricavato dello spettacolo, in replica anche il 13 marzo presso la Biblioteca Comunale di Scafati (SA), sarà destinato al progetto di ActionAid "Afghanistan - Stop alla violenza contro le donne".Il Gruppo Locale di Cagliari ha scelto invece la musica per celebrare l’8 marzo con ActionAid. Con la collaborazione  del Rotaract Club di Cagliari ha infatti organizzato anche quest’anno l’ormai tradizionale Concerto di voci femminili.Singing Women in Action, giunto quest’anno alla sua VIII edizione, nasce con l’idea che siano le voci più belle della scena musicale sarda a dare voce alle donne che non hanno voce. La conferma dell’impatto emotivo del messaggio viene dalla crescita del pubblico negli anni, grazie alla qualità della musica proposta e allo spessore delle sue protagoniste.Per vestire i panni delle Singing Women in Action 2015, con la Direzione Artistica di Stefano Fratta, sono state scelte 6 tra le cantanti più interessanti del panorama musicale cagliaritano, protagoniste di generi musicali diversi, dal Jazz al Teatro Canzone, dal Blues alla Madeira, per incontrare i gusti di un pubblico sempre più vasto, ma senzamai rinunciare a una scelta di qualità: Le Balentes, Francesca Corrias, Stefania Secci e Stefania Liori in Novos Madeira, Laura Mura, Azzurra Parisi, Elena Pau accompagnata al pianoforte da Irma Toudjian.I fondi raccolti dal concerto saranno devoluti  alle donne del distretto di Azernet, in Etiopia, che vorrebbero vedere realizzato il loro sogno di avere ancora tre chioschi per l’acqua e altri servizi igienici nei loro villaggi, per poter implementare la salute e dare l’inizio ad altre nuove attività.Tra i Gruppi Locali più attivi, non possiamo infine non citare quello di San Marzano di San Giuseppe (TA). Come se rivendicare i diritti delle donne a ritmo di musica con un flash mob organizzato nella piazza principale del paese non bastasse, i nostri attivisti hanno realizzato in collaborazione con l'Istituto Comprensivo "A. Casalini" un video in cui i  giovani protagonisti,  bambini e ragazzi della scuola,  si esprimono su un tema impegnativo come la violenza di genere.Ancora oggi nel mondo le donne vengono discriminate, umiliate e costrette a subire violenza fisica e psicologica. Cosa ne pensano i bambini’GUARDATE QUI!