ALLENARSI NON E’ MAI STATO COSI’ IMPORTANTE!

Cambiare la propria vita, migliorare, mettersi in gioco. Questi gli elementi principali del Progetto LAVORO DI SQUADRA.

“Ho deciso di partecipare a questo Progetto perché avevo bisogno di capire cosa voglio fare da grande. Sono in casa da due anni. Ho lasciato la prima Superiore e poi…non ho più capito cosa fare”. M.16 anni.

Il 24 febbraio 2015 ActionAid e Fondazione Milan hanno lanciato uno sfida all’esclusione sociale e alla povertà. Sono scesi in campo insieme per promuovere lo sport quale strumento per favorire l’inserimento formativo e lavorativo di giovani NEET nelle aree periferiche di Milano.

A maggio 2015 i primi allenamenti (sul campo e in aula) con una decina di ragazzi dai 18 ai 24 anni. Dopo 4 mesi di incontri alla Casa delle Associazioni e di attività al Centro Vismara, i giovani hanno concluso il loro percorso a settembre. Alcuni sono riusciti a trovare un lavoro, grazie alle loro capacità ritrovate e alla loro costanza; altri ragazzi hanno deciso di tornare a scuola “per poter fare l’Università”. I giovani coinvolti nel primo ciclo del Progetto LAVORO DI SQUADRA hanno seguito con motivazione e partecipazione il percorso gratuito realizzato da ActionAid e Fondazione Milan, con il supporto di AXA Cuori in Azione, nella periferia sud di Milan (quartiere Gratosoglio).

“Questo Progetto mi è servito perché adesso mi sento più sicuro. Ora non mi vergogno più quando porto il CV, so cosa dire. Mi sento meglio quando faccio i colloqui”. P, 19 anni.

A settembre 2015 sono ricominciate le selezioni per il secondo ciclo del Progetto. Più di 40 contatti telefonici, 25 colloqui conoscitivi, 14 giovani selezionati. 12 giovani che da ottobre ad oggi stanno seguendo in modo costante il percorso, 9 ragazzi e 3 ragazze.

Gli allenamenti si svolgono due volte a settimana al Centro Vismara. E non si gioca solo a calcio. I giovani sono guidati da Simone che permette loro di sperimentare le loro capacità di leadership, di aumentare il loro grado di autonomia e di coordinamento, di prendere delle decisioni in gruppo in modo autonomo.

Lavoriamo con i ragazzi e le ragazze sulle loro capacità. I giovani non devono cambiare, devono conoscersi e migliorare. Devono aumentare la propria autostima e autoefficacia, capire quali sono i loro talenti, trovarli e allenarsi per raggiungere l’obiettivo. Catia seguirà i ragazzi per tutto il Percorso, che terminerà a fine gennaio 2016.

Da ottobre anche la Fondazione Adecco collabora con ActionAid e Fondazione Milan per supportare questi giovani a trovare un’opportunità lavorativa attraverso un percorso di orientamento lavorativo volto ad insegnare ai ragazzi e alle ragazze come fare un buon Curriculum Vitae, una lettera di presentazione. Insegna loro come cercare lavoro in modo autonomo, come presentarsi ad un colloquio, fase molto delicata e importante.

Ci alleniamo e confrontiamo, abbiamo creato un bel gruppo. Andiamo insieme a pranzo dopo gli allenamenti, ci sentiamo. Facciamo le prove per i colloqui.”. M, 23 anni.

Sostieni “Lavoro di Squadra”, il progetto di ActionAid che vuole cambiare le vite dei giovani esclusi dalla società e dal mondo del lavoro!