Scorri la pagina

“Le Strade di San Nicola” un grande esempio di solidarietà

Il concerto “Le Strade di San Nicola” del 9 gennaio scorso è stato un grande successo: duemila persone al Teatro Team di Bari.È stata l’emozione a scandire la serata della…

Il concerto "Le Strade di San Nicola" del 9 gennaio scorso è stato un grande successo: duemila persone al Teatro Team di Bari.È stata l'emozione a scandire la serata della seconda edizione del concerto, spettacolo di beneficenza, che ha coinvolto il pubblico in un alternarsi di musica e divertimento.Per oltre tre ore gli spettatori hanno cantato, ballato, riso senza dimenticare l'obiettivo della serata: la solidarietà. Il ricavato della vendita dei biglietti andrà a finanziare tre progetti: Little hands for Santa Claus, Un piatto per tutti, e Social School.ActionAid, membro della Federazione, si occuperà della gestione delle attività di "Social School" che intendono creare una cittadinanza attiva e consapevole, che sappia partecipare in maniera responsabile alla vita sociale e culturale del territorio, attraverso una serie di attività e laboratori legati alle tematiche della giustizia sociale e dei diritti umani."La benzina che ci fa andare avanti - ha detto Lorenzo Moretti, Presidente de "Le strade di San Nicola" - è proprio vedere le cose belle che riusciamo a fare, come quella di stasera. Tutti noi abbiamo dentro un movimento che ci fa continuare ad andare avanti in una città come Bari".Un ringraziamento sincero e sentito a tutti quelli che hanno partecipato alla serata del concerto e soprattutto alle organizzazioni che fanno parte della Federazione (Associazione italiana persone Down, FC Bari Pink, FC Bari Solidale, Bari Young, Fondazione Ciao Vimmy, Fondazione Maria Rossi, Intesa Bari, Medici con L'Africa Cuamm, Little Smile, Marcobaleno, Pneumologia Interattiva, Studenti Per, Fondazione Zio Mike). Grazie al loro impegno indefesso e alla loro tenacia indomita, potremo essere parte del cambiamento che avverrà con la comunità del progetto "Social School".  (foto di Rosaria Pas - MUSEO DELLA FOTOGRAFIA)