Scorri la pagina

Lo spreco è…

Il 25 giugno scorso sono andata al Comune di Gioia del Colle, ospite dei bambini e delle bambine della classe IV D dell’Istituto Comprensivo San Filippo Neri’, che partecipa al…

Il 25 giugno scorso sono andata al Comune di Gioia del Colle, ospite dei bambini e delle bambine della classe IV D dell’Istituto Comprensivo San Filippo Neri’, che partecipa al progetto IoMangioTutto. La classe ha pensato di organizzare una mostra degli elaborati grafici e narrativi realizzati in seguito alle attività sul diritto al cibo e sulla lotta allo spreco che si sono svolte a scuola. Insieme alla loro insegnante Susanna De Mattia, e all’Assessore all’Ambiente ed alle Politiche Giovani Giuseppe Lenin Masi, siamo stati spettatori della rappresentazione che i bambini hanno voluto fare.Fra le significative definizioni dello spreco che hanno dato, eccone alcune: Lo spreco è come un incubo che a tutto il mondo fa paura, che si sogna e ci spaventa in notte buia’, lo spreco è come un temporale, che più nuvole ha e più si alimenta’, lo spreco è una malattia, se la vinciamo saremo in allegria’.Un breve estratto VIDEO della serata.Il giorno successivo ho poi incontrato 13 associazioni pugliesi che si occupano di lotta allo spreco, in tanti modi diversi e complementari. Stiamo collaborando alla costruzione di una rete che sia compatta e attiva nelle attività di advocacy presso le istituzioni regionali. Ai presenti ho chiesto di scrivere cosa fosse lo spreco per loro. Ecco alcune delle definizioni che sono scaturite dal confronto: Lo spreco è l’indifferenza’, lo spreco è la diseconomia dei nostri tempi’, lo spreco è non essere collegati con gli altri’, lo spreco è l'uso sbagliato delle risorse di cui sottovalutiamo l'importanza’, lo spreco è la mancanza di consapevolezza sul concetto di collettività.Dare delle definizioni personali, riempire di significato le parole, è fondamentale nella presa di coscienza; e non è per niente scontato.Prendetevi due minuti per pensare: COSA E LO SPRECO PER VOI Lasciate la mente libera di definirlo nel mondo più istintivo e soggettivo; e da lì potrete partire per la vostra personale lotta allo spreco.