Scorri la pagina

Elezioni in Zimbabwe: appello alla pace

In attesa dei risultati definitivi preoccupa l’esplosione di violenza.

All’indomani delle elezioni nazionali, preoccupano le violenze scoppiate ad Harare ed in altre città del Paese, condividiamo l’appello alla pace dei colleghi zimbabwesi.

ActionAid Zimbabwe si congratula con gli Zimbabwesi per il clima pacifico che ha contraddistinto il periodo precedente nonché lo svolgimento di questo cruciale appuntamento elettorale del 2018.

Notiamo, tuttavia, con grande preoccupazione, gli sconvolgenti scoppi di violenza che ci sono stati riportati e di cui siamo anche stati testimoni questo pomeriggio ad Harare.
È profondamente angosciante e assolutamente vergognoso che i membri della Polizia e l’esercito nazionale dello Zimbabwe, che sono stati schierati per mantenere l’ordine pubblico, abbiano sparato ferendo molti civili, tra i quali potrebbero esserci morti. Condanniamo fermamente e inequivocabilmente l’uso della forza contro i civili disarmati, che hanno il diritto di protestare pacificamente senza subire violenze indiscriminate.

Facciamo appello all’esercito e alla polizia affinché diano prova di moderazione e assicurino il loro sostegno alla Costituzione nazionale nel mantenimento della pace all’interno del paese - in particolare durante questo delicato momento in cui stiamo aspettando i risultati delle elezioni Presidenziali. Anche i leader dei partiti politici devono utilizzare la loro leadership per promuovere la pace, lo stato di diritto e una cultura del rispetto dei diritti umani. La Commissione Elettorale dello Zimbabwe dovrebbe seguire i preparativi e la divulgazione dei risultati con maggior attenzione possibile al dettaglio per permettere uno scrutinio pienamente democratico.

Come organizzazione che mira a sradicare la povertà e raggiungere l’uguaglianza tra i generi e la giustizia sociale, crediamo fermamente che la convivenza pacifica sia l’ingrediente chiave nella costruzione di una società giusta e democratica dove i cittadini possano godere i propri diritti umani.

Credit video: Ivan Giordano e Antonio Lemma per ALTERAWIDE

Photocredit Gallery: Antonio Lemma