Scorri la pagina

Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne

Unisciti a noi per dire basta!

La Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, per la prima volta, fu istituita il 17 dicembre 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Da allora, rappresenta il momento più importante dell’anno per parlare, informare e sensibilizzare su questo grave problema. Che riguarda tutti i Paesi del mondo.

La violenza sulle donne in Italia e nel mondo

La violenza sulle donne ha molti volti; dai reati come la violenza fisica a quella sessuale, lo stupro, senza dimenticare la violenza psicologica.

In Italia e nel mondo subisce violenza, mediamente, una donna su tre dai 15 anni in su. Il timore della violenza è confermato dal dato secondo il quale il 53% di donne in tutta l’Unione Europea afferma di evitare determinati luoghi o situazioni per paura di essere aggredita.

Un atto di violenza contro le donne può accadere ovunque: dentro le mura domestiche, sul posto di lavoro, per strada. Sono spesso i partner o gli ex partner a commettere gli atti più gravi: in Italia sono, infatti, responsabili del 62,7% degli stupri. Una lunga scia di violenza che può culminare con l’estrema conseguenza: il femminicidio. Nel 38% dei casi di omicidi di donne, il responsabile è, ancora una volta, il partner.

25 novembre

Il 25 novembre è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (questo il suo nome completo). Una data scelta non a caso. In questo stesso giorno del 1960, furono uccise le tre sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana. È una data importante, per ricordare a tutti che il rispetto è alla base di ogni rapporto e che non possiamo continuare a veder crescere il numero delle donne che subiscono violenza.

Testimonianze

  • Anna era troppo spesso minacciata dal marito. Poco prima che se andasse, lui arrivò addirittura a minacciarla di farla a pezzi. Un giorno, Anna ha detto basta e ha chiesto aiuto al Centro Donna, per uscire da quello che era diventato un incubo.
  • Sayeeda, dopo anni, è finalmente riuscita a ottenere il divorzio da un marito violento, che è stato anche condannato per le percosse e le minacce. Oggi, Sayeeda può finalmente guardare al futuro con ottimismo.
  • Milena ricevette, all’improvviso, un pugno in piena faccia dal marito. Il loro bambino assistette alla scena. Allora, Milena si decise a chiamare i Carabinieri e chiedere aiuto.

Il nostro impegno

La nostra battaglia, però, non si limita a questa data. Ogni giorno lavoriamo per liberare le donne dalla violenza in ogni sua forma. Vogliamo educare al rispetto della persona e dei diritti delle donne, contrastare gli stereotipi di genere che sono alla base di una visione errata di donne e uomini nella società. Per questo chiediamo alle istituzioni risposte efficaci e fondi per sostenere il lavoro dei centri antiviolenza.

Uno dei nostri progetti WEGO! si focalizza proprio sul supporto ai centri antiviolenza per individuare quali siano i servizi necessari per vittime e potenziali tali. Con un’attenzione particolare a tutti quegli strumenti che possono favorire l’indipendenza economica, spesso fattore chiave per uscire da situazioni di pericolo.

Dati: Istat, World Health Organization, European Union Agency for Fundamental Rights