#ActionAidOlympics: le Olimpiadi arrivano nelle favelas.


Per divertire e far riflettere.

Grazie a Rai Sport, dal 4 agosto la sfide dei bambini di Rio de Janeiro contro emarginazione e povertà sono raccontate da Andrea Lucchetta.

Rio de Janeiro, 4 agosto 2016 - Il sogno olimpico visto attraverso gli occhi dei bambini delle favelas e raccontato da un inviato d’eccezione, Andrea Lucchetta, che per l’occasione vestirà i panni di un originale insegnante. In onda a partire da stasera su Rai2 e Rai Sport all’interno della programmazione dedicata alle Olimpiadi, #ActionAidOlympics racconta in modo ironico e divertente - attraverso brevi video - il contesto sociale di Rio de Janeiro, le sfide quotidiane che i bambini, le donne e gli uomini delle favelas devono affrontare per vincere povertà ed emarginazione sociale, offrendo ai telespettatori una visuale diversa sui Giochi Olimpici, che vedono tra i grandi esclusi gli abitati delle favelas. Il progetto è frutto della collaborazione editoriale e della sensibilità di Rai Sport che, con il suo direttore Gabriele Romagnoli, in occasione dei Giochi Olimpici di Rio 2016 ha accettato di collaborare con ActionAid.

Andrea terrà brevi lezioni su alcune delle discipline olimpiche nelle quali atleti di tutto il mondo si sfideranno a Rio per conquistare una medaglia e tenterà di metterle in pratica con i bambini, utilizzando gli oggetti e i mezzi che riusciranno a trovare nella favela. L’ex campione di pallavolo scoprirà, così, insieme ai telespettatori,  le "Olimpiadi quotidiane" che gli abitanti delle favelas si trovano ad affrontare ogni giorno, superando ostacoli enormi per vincere sfide che sembrano impossibili: sconfiggere la fame; trovare forme di vita dignitose pur in mancanza di spazi salubri in cui vivere; ricevere un’educazione adeguata per crescere e costruirsi un futuro.

“#ActionAidOlympics intende intrattenere e al tempo stesso far riflettere sulle reali condizioni di vita nelle favelas, dove gli abitanti non sono minimamente sfiorati da grandi eventi come le Olimpiadi”, dichiara Marco De Ponte, Segretario Generale di ActionAid Italia. “Si tratta di un’occasione persa il Paese e per tutti coloro che come me sono qui a Rio per assistere alle competizioni olimpiche senza minimamente comprendere il contesto dove si trovano", conclude De Ponte.

Il prodotto è stato realizzato da AGF (Agenzia Fotografica giornalistica) con la regia di Luigi Narici grazie al supporto tecnico di Nikon.

ActionAid è un’organizzazione internazionale indipendente, impegnata nella lotta contro la fame nel mondo, la povertà e l’esclusione sociale. Da oltre 40 anni, aiuta le comunità in difficoltà a crescere da sole e a garantirsi migliori condizioni di vita. ActionAid usa lo sport nei suoi progetti in Italia e nel mondo perché aiuta a favorire processi d’inclusione e aggregazione sociale nei contesti e nelle comunità affette da marginalità e povertà. In particolare con i più giovani. Lo sport, infatti, è un potente mezzo per innescare dinamiche di cambiamento, in quanto in grado di promuovere stili di vita e valori postivi.

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Pubbliche Relazioni e Media ActionAid Italia International

via Tevere, 20 - 00198 Roma - Tel. +39 06 45200526

Rio de Janeiro: Francesca Landi, Capo Unità Relazioni Pubbliche e Media - Tel. 06 45200526 – Cell. 3355478571  - francesca.landi@actionaid.org

Roma: Gabriele Carchella, Addetto stampa - Tel. 06 45200526 – Cell. 3294025813 - gabriele.carchella@actionaid.org