ūüć™ Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di pi√Ļ Clicca qui.

TERREMOTO TURCHIA E SIRIA 

ActionAid "Situazione peggiore per le donne e per i rifugiati siriani‚Ä̬†

L’organizzazione umanitaria si è attivata per rispondere all'emergenza.

LINK PER DONARE: www.actionaid.it/emergenza-terremoto 

Link alle immagini e video  

Disponibile per interviste (in inglese) Racha Nasreddine, direttrice di ActionAid per la regione araba. 

Innumerevoli famiglie sono rimaste senza casa e hanno un disperato bisogno di riparo, assistenza medica, cibo, denaro e fonti di calore. E peggiora la situazione delle donne e delle ragazze, in particolare per quelle che erano gi√† fuggite dalle loro case in Siria e facevano affidamento sull'assistenza umanitaria.¬†Nelle aree colpite del sud-est della Turchia abitano complessivamente circa 12 milioni di persone, tra cui due milioni di rifugiati siriani che vivono per lo pi√Ļ in tende e strutture di fortuna nei campi su entrambi i lati del confine. Nelle aree colpite della Siria nord-occidentale si stima vivano circa 4,6 milioni di persone, gi√† in condizioni di insicurezza alimentare e che avranno bisogno di ulteriore assistenza alimentare.¬†

Entrambi i paesi stanno affrontando una pesante situazione economica. In Siria, dal 2020 al 2022, i prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 532% portando oltre 12 milioni di siriani a sperimentare l‚Äôinsicurezza alimentare. Nel gennaio 2023, l'inflazione in Turchia ha raggiunto il 57,68% e il costo degli affitti √® aumentato, incidendo sul potere d'acquisto delle persone. √ą quindi molto probabile che questa emergenza incida in modo significativo sulle economie gi√† indebolite di entrambi i Paesi.¬†¬†

''Si tratta di una situazione sconvolgente, dopo 12 anni di conflitto in Siria, le donne e le ragazze sfollate in Siria o rifugiate in Turchia erano gi√† in una situazione molto vulnerabile prima del terremoto e ora hanno visto distrutte le loro case e i loro mezzi di sussistenza.¬† Le donne e le ragazze soffrono di pi√Ļ durante le emergenze umanitarie. La violenza contro di loro aumenta e sono ancora pi√Ļ a rischio di sfruttamento. L'accesso a servizi come gli ospedali √® molto limitato e le donne incinte rischiano di avere complicazioni se non possono ricevere le cure mediche di cui hanno bisogno. Con le associazioni nostre partner stiamo elaborando il piano di risposta per Turchia e Siria. Sappiamo che c'√® un urgente bisogno di spazi sicuri in cui le donne e le ragazze possano recarsi, cos√¨ come di kit con prodotti per le mestruazioni, ci assicureremo che questi aspetti vengano affrontati subito" dichiara¬†Racha¬†Nasreddine, direttore regionale di ActionAid per la regione araba.¬†

La risposta di ActionAid. In questa fase la priorità dell’intervento di ActionAid è fornire un sostegno d'emergenza in termini di riparo, vestiti caldi e cibo a tutti coloro che hanno perso le loro case e sono per strada. In Turchia, ActionAid è impegnata con un team di intervento per sostenere la risposta di emergenza nazionale in tutta la regione, in stretto coordinamento con il governo e le principali parti interessate. In Siria ActionAid è attiva nel governatorato di Idleb attraverso un’organizzazione partner basata nel Sud della Turchia e sta operando in particolare nella zone di Harem e Armnaz. 


Per informazioni:       

Ufficio Stampa ActionAid Italia
Paola Amicucci +39.3457549218 ‚Äď [email protected]
Alice Grecchi +39.3395030480 ‚Äst[email protected]¬†¬†
Daniela Biffi¬†¬†[email protected] - +39.3472613441¬†

Photocredit social: Cansu yńĪldńĪran / ActionAid

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email