Scorri la pagina
Photographer Georgina Goodwin/ActionAid

Amina

Grazie ad ActionAid e a Wangu Kanja Fundation adesso ho il controllo della mia vita

Wangu Kanja, 40 anni, di Nairobi, è stata aggredita sessualmente nel 2002. La polizia ha rifiutato di verbalizzare lo stupro e lo ha registrato come una tentata 'rapina', nessuna prova è stata raccolta e il suo stupratore non è mai stato trovato. Oggi è un'attivista che ha cambiato il modo in cui la violenza sessuale è affrontata in Kenya, attraverso la fondazione che porta il suo nome: la Wangu Kanja Fundation (WK), sostenuta da ActionAid tramite la campagna #Fearless Campaign per i diritti delle donne. La sede della Fondazione si trova all'interno del Centro Ruben nello slum di Mukuru. La missione è offrire un'istruzione di qualità, sanità, servizi finanziari e sociali per bambini e famiglie della comunità di Mukuru.

Wangu-Kanja_Kenya2_700

Molte donne si sono rivolte al Centro per chiedere assistenza. Come Amina, di 26 anni, che racconta: “Sono stata violentata nel 2009, ho tenuto il segreto per molti mesi. Un giorno, mentre stavo lavorando, una collega mi chiese come mai non mi ero ancora sposata. Scoppiai a piangere e non dissi niente. Lei mi confidò che c'era un posto dove potevo rivolgermi e che c'era una donna, Wangu Kanja che avrebbe capito...

Ho incontrato Wangu nel 2011. Non ero a mio agio all'inizio, ma poi mi sono aperta, ho confidato tutto e mi hanno aiutata. Ho condiviso la mia storia e così ho capito che quello che mi è accaduto non poteva ostacolare la mia felicità. Ogni mese ci incontriamo e discutiamo di tutto, aiutiamo altre vittime ad aprirsi e parlare. Io ho portato sette ragazze, che adesso mi prendono come esempio. Mi sento bene, forte e felice, anche se sono senza lavoro in questo momento. Sono una parrucchiera, ho un diploma di formazione. Vorrei aprire un salone di bellezza e trasmettere alle mie clienti quello che ho imparato durante gli incontri. Non solo consigli e supporto morale, ma anche come gestire il denaro e le relazioni interpersonali. Adesso ho più consapevolezza e il controllo della mia vita”.

Amina-Moraan-_Story_Kenya_700

Il Centro Ruben è nato nel quartiere industriale di Nairobi, quando la gente ha cominciato a costruire case provvisorie vicino alle fabbriche dove lavorava. La zona ora ha una popolazione di oltre 600.000 abitanti e molte famiglie vivono ancora in minuscole baracche di lamiera. Il centro gestisce una Scuola Primaria e offre formazione professionale agli adulti, ha costruito un centro sanitario, il Ruben Medical Centre e fornisce anche il supporto per la comunità circostante attraverso programmi di lavoro sociale, servizi di micro-finanza e un importante progetto che ha come obiettivo la riduzione del lavoro minorile.

Kenya_Amina_Story2_700

Amina conclude: “Wangu Kanja mi ha aiutato anche attraverso la terapia di ballo. Mi ha fatto apparire come una donna da rispettare e non come un oggetto, posso parlare con la gente senza vergognarmi di niente. Ci riuniamo e condividiamo la nostra esperienza. Il sostegno psicosociale, aiuta a guarire le ferite e a vivere meglio. Grazie ActionAid, grazie Wangu!”.