Scorri la pagina

Francisco

Vorremmo poter ampliare la scuola e non dover fare lezione in cortile.

“Abbiamo circa 900 studenti e le sfide che dobbiamo fronteggiare sono tante”.

Francisco è il preside della scuola di Marracuene. Il lavoro per lui è una passione, ma è molto amareggiato di non poter offrire ai suoi alunni l’ambiente ideale per studiare.

“La difficoltà principale è rappresentata dalla mancanza di aule. Cerchiamo di organizzarci con i turni, ma non è semplice. Le ore di scuola in questo modo si riducono ed è difficile conciliare gli orari di studenti e insegnanti. Molti di loro abitano a ore a piedi infatti e dobbiamo tenerne conto”.

Francisco è amareggiato, ma non si scoraggia.

“In passato avevamo carenza anche di cancelleria, libri e uniformi. Queste ultime in particolare sono indispensabili per gli alunni delle famiglie più povere. Adesso riusciamo a garantire una fornitura minima, ma c’è ancora molto da fare”.

Non è raro che le lezioni si svolgano all’aperto a Marracuene.

“Purtroppo non abbiamo altre soluzioni, quando non c’è posto dobbiamo metterci in cortile. Non è semplice, perché gli studenti si distraggono più facilmente, sentono anche le lezioni delle classi accanto, l’insegnante fa più fatica a coinvolgerli e la qualità dell’insegnamento ne risente.

Confido però che il problema si risolva, perché stiamo cercando di far ampliare la scuola, così potremo avere un’aula per ogni classe. Sarebbe un sogno che si avvera”.

È ora di mettere un tetto alla scuola di Marracuene e garantire il diritto all’istruzione dei bambini e delle bambine della comunità.

Chiama o invia un sms al 45511 fino al 5 novembre!

Mozambico6_750