🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

Lien | ActionAid

Lien

“Il nostro è un obiettivo ambizioso: piantare 100.000 mangrovie”.

Insieme per l'ambiente

“Mi sono unita ad ActionAid nel 2018, volevo fare qualcosa per l’ambiente”.

Lien ha 27 anni, abita nella regione di Kampot in Cambogia e lavora come ostetrica, oltre ad essere un’attivista.

“Negli ultimi anni il clima è cambiato moltissimo nella nostra zona. Le temperature sono aumentate e le mangrovie ne hanno risentito molto. Sembra un problema da poco, ma non lo è. Le mangrovie erano fondamentali per la nostra comunità e l’ecosistema. Crescendo sulla costa proteggono le case dalle alluvioni e creano l’habitat perfetto per molte specie di pesci. Questo rendeva possibile la pesca anche a chi non ha la barca.  Qui ad esempio sono in molti a lavorare nella pesca dei gamberi, che sta diventando sempre più difficile”.

Secondo il Mekong Commission Report, dal 1992 ad oggi nella provincia di Kampot la foresta di mangrovie si è ridotta del 62%. E secondo l’amministrazione di Kampot anche la barriera corallina si sta riducendo.

Abbiamo lanciato una campagna con un obiettivo ambizioso: ripiantare 100.000 mangrovie. Crediamo davvero che sia fondamentale, vediamo gli effetti della deforestazione con i nostri occhi. Adesso ad esempio quando l’alta marea provoca allagamenti i danni sono molto maggiori, perché l’acqua non incontra barriera e a ritirarsi ci mette anche una settimana. Tutto questo accade 2-3 volte l’anno solo nella città di Kampot. Erano cose che succedevano anche prima certamente, ma non con questa frequenza. Anche i danni erano minori anni fa.

Ho molta difficoltà a restare ottimista per il futuro, non credo che il clima migliorerà. Il nostro governo ad esempio a fine anno ha annunciato che la stagione secca durerà più del solito. Non voglio però scoraggiarmi. Per questo ho deciso di attivarmi, perché credo davvero che cominciare dalle campagne per la riforestazione sia fondamentale. 

In futuro spero di riuscire a coinvolgere sempre più donne della mia comunità e appassionare i più giovani alla causa ambientale”. 

Condividi sui social:

  • Segui il cambiamento
    Lasciaci la tua email