Scorri la pagina

Miriam

“L’impegno è ciò che ti aiuta a realizzare i sogni”.

Miriam: Consigliere Comunale, Sportiva, Attivista di ActionAid.

Miriam ha 35 anni, vive a Roma Sud e ha una vera e propria passione per gli sport, che condiziona il suo lavoro e il suo tempo libero: è consulente commerciale nei centri sportivi durante la settimana, ma appena ha un minuto libero ne approfitta per fare escursioni e incontri sportivi. La sua attività preferita è il walking, una camminata di gruppo che fa a lavoro e permette di non gravare sulla schiena anche svolgendo un mestiere da scrivania.

Una delle persone per lei più importanti è Rosario, suo cliente ma soprattutto suo migliore amico. Frequentava il centro sportivo dove Miriam lavorava, a Frascati. Un giorno le chiede di bere una birra con dei suoi amici, venuti in città per un’assemblea: è così che conosce il gruppo locale ActionAid di Napoli, di cui Rosario era presidente. Quella sera, Miriam si sente a casa. Non sa che in poco tempo, ActionAid sarebbe diventata per lei una famiglia, senza confini territoriali. Poco dopo infatti, Rosario lascia Napoli e si trasferisce a Roma. Rosario convince Miriam o forse Miriam convince Rosario, fatto sta che quasi subito nasce il primo gruppo locale ActionAid ai Castelli Romani. Miriam ha un ruolo fondamentale nel gruppo, ma decide di non figurare come presidente: essendo un’assessore comunale, non vuole essere accusata di abuso di potere.

È quindi un’attivista “comune”: oggi si occupa principalmente dell’educazione nelle scuole, perché è il canale che la interessa di più. Il gruppo era nato da poco quando hanno organizzato il loro primo evento. Un gruppo di ragazzi che si conoscevano da un mese e che già iniziavano a essere presenti sul territorio: una sorta di scommessa su cui hanno puntato tutto. Si trattava di un flashmob, una protesta contro i biocarburanti. Nella piazza principale di Frascati quasi cento persone si buttano a terra. Tra loro ci sono i nonni di Miriam, che hanno 83 anni e un cartello ActionAid in mano. C’è suo padre, fiero di quello che sua figlia stava realizzando. È stato un evento davvero toccante.

Ma c’è un’altra occasione che non manca di commuovere Miriam: l’assemblea in cui si parla degli obiettivi che ActionAid ha raggiunto ogni anno. E ogni anno Miriam si emoziona, quando vede come il piccolo contributo del suo gruppo locale si unisce a quello di tanti altri piccoli gruppi, come affluenti di un fiume in piena che riesce davvero ad aiutare le persone.

“Con l’attivismo, Miriam ha scoperto che il piccolo contributo di una persona può diventare uno strumento potente per aiutare gli altri. Un po’ come il gioco di squadra: le metafore di sport funzionano sempre con lei, perché gli sport riempiono la sua vita lavorativa e personale. Ha un sogno nel cassetto: dei figli. Per lei la famiglia conta più della carriera. E siamo fortunati, perché in questa famiglia include anche ActioAid”.

E tu, hai mai pensato che un tuo piccolo gesto può diventare qualcosa più grande di te?