🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

GAMBIA | ActionAid

GAMBIA

AFRICA OCCIDENTALE

Un Paese in cui siccità e malattie minacciano la sopravvivenza di migliaia di  persone.

 

Il Gambia è lo Stato più piccolo per estensione territoriale di tutta l’Africa continentale. Indipendente dal 1965, il Paese è stato governato per oltre due decenni dall’ex presidente Yahya Jammeh, che ha conquistato il potere grazie ad un colpo di Stato nel 1994. Secondo l’osservatorio politico Freedom House, il governo di Jammeh si è contraddistinto per costanti violazioni dei diritti politici e delle libertà civili. 

Nel 2016, le elezioni hanno portato alla vittoria del candidato dell’opposizione Adama Barrow.  Da allora, le libertà fondamentali, inclusi il diritto di riunione, associazione e parola, sono state ristabilite ma lo Stato di diritto è ancora debole e le persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) subiscono ancora gravi discriminazioni.

Solo il 42% della popolazione è alfabetizzata e su una popolazione di 2,28 milioni di abitanti, 230.000 persone vivono al di sotto della soglia di povertà. Il 10% della popolazione soffre la fame e circa 64 bambini ogni 1.000 muoiono prima di raggiungere il quinto anno di vitaIn Gambia solo un sesto della terra è coltivabile e la scarsa qualità del suolo impedisce di diversificare le colture, determinando una carenza di cibo che minaccia la sopravvivenza della popolazione.


IL NOSTRO LAVORO IN GAMBIA

  • Progetti realizzati: 3 di cui 2 finanziati direttamente da ActionAid Italia
  • Persone raggiunte grazie alle attività sul campo: 31.000 di cui circa 17.000 donne e 14.000 uomini
  • Bambini sostenuti a distanza: 1.808 da donatori italiani

Lavoriamo in Gambia dal 1979. Dopo 22 anni di dittatura, la popolazione è sempre più interessata ai meccanismi di partecipazione nei processi di governance, così come al tema dell’accountability e della trasparenza. Nel 2018 abbiamo lavorato per rafforzare la leadership e la partecipazione ai processi di democratizzazione dei più giovani.  Dopo i momenti di incontro che abbiamo organizzato, molti di loro hanno cominciato ad esprimere liberamente la propria opinione rispetto alle azioni del Governo attraverso i social media e i mezzi di comunicazione.

Il nostro lavoro per rafforzare l’accountability nel Paese nel 2018 ha coinvolto 16.650 persone, principalmente giovani donne e uomini, studenti, autorità locali e donne leaders che hanno rafforzato le proprie conoscenze sui principi di base della governance e dell’accountability.

Inoltre, 3.500 donne hanno ricevuto una formazione sul tema della violenza di genere, sui diritti dei bambini e sulla loro protezione.

(Fonti)

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email