🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

ZIMBABWE | ActionAid

ZIMBABWE

AFRICA ORIENTALE

Un Paese che vede alternarsi lunghi periodi di siccità e forti piogge, causa di vere e proprie emergenze alimentari.

Da quasi due decenni lo Zimbabwe non riesce a sfamare la sua popolazione a causa di gravi periodi di siccità che si alternano ad intense alluvioni, con gravi ripercussioni sulla produzione agricola. Più di 7 milioni di persone soffrono di malnutrizione.


EMERGENZE CLIMATICHE

Siccità

A causa delle condizioni meteorologiche avverse determinate da El Niño, il Paese sta attraversando una fase di intensa siccità che ha colpito gravemente la produzione agricola e ha determinato la perdita di numerosi capi di bestiame, privando i gruppi più vulnerabili dell’accesso al cibo e dei mezzi di sussistenza di base. L’aumento dei prezzi dei generi alimentari ha posto milioni di persone in condizioni di estrema vulnerabilità.

Il Paese ha subito negli ultimi anni shock e stress economici, politici ed ambientali senza precedenti; il Governo, per affrontare la crisi, ha optato per misure di austerità che hanno ulteriormente messo in ginocchio le persone. Secondo l’osservatorio politico Freedom House, nel Paese la corruzione è endemica, lo stato di diritto debole e la scarsa protezione dei lavoratori e dei diritti fondiari rimangono tra le sfide fondamentali.

Lo Zimbabwe è afflitto anche da due ulteriori problemi: la violenza contro le donne e livelli di istruzione molto bassi. Infatti, il 42% della popolazione femminile subisce violenza nel corso della propria vita e la metà dei bambini in età scolare non proseguono gli studi oltre la scuola primaria perché costretti a lavorare per sostenere le loro famiglie

Si stima che siano tra le 200.000 e le 500.000 le persone emigrate dallo Zimbabwe verso il Sudafrica in cerca di migliori condizioni di vita, mentre sono 255.000 i migranti entrati nel Paese.


IL NOSTRO LAVORO IN ZIMBABWE

  • Progetti: 10
  • Programmi finanziati da ActionAid Italia: 5
  • Persone raggiunte: 320 di cui  Donne: 29.946  Uomini: 20.374
  • Bambini sostenuti:846

ActionAid lavora in Zimbabwe dal 2003, collaborando con le istituzioni locali con l’obiettivo di migliorare l’accountability e l’accesso ai servizi pubblici e per promuovere i diritti delle donne.
Nel 2009 abbiamo contribuito a costituire il National Rural Women Structure, un luogo di incontro e collaborazione per affrontare nuove sfide e organizzare attività di lobbying e advocacy in tema di parità di genere, oltre che di monitoraggio e prevenzione dei matrimoni precoci.

Il nostro impegno è volto a migliorare l’istruzione pubblica: abbiamo dato la possibilità a molti studenti di partecipare all’ideazione di nuove policies per l’amministrazione della scuola e alla realizzazione di alcune attività di monitoraggio realizzate da un Comitato di sviluppo scolastico junior.

Abbiamo realizzato la campagna Girls not brides, che ha contribuito al dibattito su come ridurre l’abbandono scolastico delle ragazze-madri. Collaboriamo con le istituzioni locali per garantire agli insegnanti una formazione adeguata, migliori condizioni lavorative e per aumentare la loro presenza nelle aree rurali. Nel 2018 abbiamo terminato la costruzione di due scuole con 16 classi e 2 stanze per le insegnanti nel distretto di Binga.

Nel periodo che ha preceduto le ultime elezioni politiche (luglio 2018), ci siamo impegnati fortemente per promuovere delle elezioni libere e democratiche. Abbiamo lanciato il Social Justice Manifesto per dar voce delle persone che vivono in povertà e in condizione di ingiustizia sociale, ineguaglianza e discriminazione sessuale.

Grazie al contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, nei distretti di Lupane e Makon abbiamo realizzato un progetto per rafforzare la resilienza delle comunità rurali colpite dalla siccità causata da El Niño e per migliorare la resa dei raccolti, creando cooperative, banche delle sementi e introducendo nuove tipologie di coltivazioni.

(Fonti)
Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email