🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

La scuola ai tempi del Covid19 | ActionAid

La scuola ai tempi del Covid19

Il progetto OpenSpace contro la dispersione scolastica.

Open Space

Il Covi19 è stato uno spartiacque anche nella scuola. In poco meno di due settimane 9 milioni di studenti si sono ritrovati a casa e tutta l’Italia si è resa conto, d’un tratto, dell’importanza e del ruolo della scuola. Sebbene alcune attività si siano dovute necessariamente interrompere o rimodulare, numerose sono state quelle che, grazie ai partner del progetto OpenSpace, sono proseguite per i ragazzi e gli istituti di Bari, Milano, Palermo e Reggio Calabria.

“Come partenariato del progetto OpenSpace sin da subito abbiamo iniziato a immaginare come trasformare le attività. Alcuni partner hanno deciso di trasformare la propria attività di potenziamento didattico di gruppo in un accompagnamento e sostegno individuale, dei/le ragazzi/e più in difficoltà. Altri hanno invece adottato un approccio diverso, producendo tutorial aperti e facilmente fruibili (nel caso specifico su coding, robotica, fabbricazione digitale) con un semplice smartphone. Approcci diversificati, per lasciare il minor numero di ragazzi/e esclusi, per contribuire agli sforzi che le scuole stanno mettendo in campo per non far perdere troppa strada agli/le allievi/e” afferma Luca Fanelli, Project Manager OpenSpace.

Non si è fermata neppure l’attività Tifa per Te, che aiuta i giovani in abbandono scolastico o a forte rischio di abbandono a riattivarsi e a ri-orientarsi. Anch’essa si è spostata online, con un percorso di costruzione del proprio progetto di vita.

“Tante sono le difficoltà e le sfide: in primo luogo raggiungere coloro che con la crisi sono “scomparsi”, non raggiungibili dalla scuola e dagli educatori; poi il diverso livello di motivazione, strettamente legato all’ambiente familiare; non ultimi, i problemi tecnologici e tecnici, il compito non facile di riadattare la didattica alle nuove modalità. Molte anche le opportunità: la costruzione di legami più stretti educatore- studente, il maggiore coinvolgimento della famiglia, spesso anche una maggiore motivazione allo studio perché molti ragazzi e ragazze, a un tratto, si sono resi conto dell’importanza della scuola” continua Luca Fanelli.

Lo sa bene anche Antonino, 11 anni, che a Palermo frequenta la scuola Borgese XXVII Maggio. A lui abbiamo chiesto come vive questa situazione e cosa gli manca di più della scuola.

“È molto più bello andare a scuole che seguire le lezioni a distanza. Mi mancano molto le amicizie, le professoresse, il divertimento e lo studiare insieme e in compagnia. È tutto un po’ difficile, è brutto stare a casa ma è per il nostro bene. Per fortuna c’è la tecnologia che ci permette di sentirci spesso e di continuare a studiare. Ma non c’è quel divertimento che c’è a scuola. Fare le videochiamate con la prof e con i compagni è molto strano”.

Quando e come le scuole riapriranno è ancora incerto.

“Ciò che è sicuro è che da subito è necessario un guizzo, un impeto, che trasformi la constatazione dell’importanza della scuola in forme concrete per affrontare ancora più efficacemente la povertà educativa – amplificata dalla crisi. La ricetta è creare rapidamente concrete sinergie tra scuola, servizi sociali, terzo settore perché insieme concorrano a questo obiettivo” conclude Luca Fanelli.

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email