🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

NEET: in Italia arrivano a oltre 2 milioni | ActionAid

NEET: in Italia arrivano a oltre 2 milioni

Riparte Lavoro di Squadra, il progetto per ridare fiducia alle nuove generazioni.

Italia tra i peggiori d’Europa

Sono oltre 2 milioni i NEET in Italia, ragazzi e ragazze che non studiano e non lavorano. Gli ultimi dati Istat (2021) confermano un fenomeno allarmante che interessa il 24% dei giovani.

Un numero in crescita rispetto al 2020: più di 97 mila ragazzi nell’ultimo anno sono usciti da percorsi lavorativi o di studio. È il dato peggiore in Europa dopo Turchia, Montenegro e Macedonia. 

La pandemia COVID19 ha peggiorato la situazione. Dall’aumento dell’insicurezza nello studio e al lavoro, a problemi relazionali e di salute mentale, le ripercussioni sulle nuove generazioni sono importanti. Pesa anche la mancanza di misure a sostegno del reddito e dell’occupazione giovanile

Esplode il divario di genere 

Il divario di genere è evidente anche rispetto al fenomeno NEET. È inattivo il 25% delle ragazze in Italia, contro il 21,3% dei ragazzi. Secondo una ricerca OCSE (2021) le giovani donne hanno meno probabilità di trovare un impiego rispetto ai loro coetanei uomini.

Nel nostro Paese solo il 30% delle donne tra i 25 e i 34 anni con un diploma di istruzione secondaria di primo grado ha trovato un impiego nel 2020, rispetto al 64% degli uomini.  

Lavoro di squadra, focus sulle giovani

Per questo motivo la quarta edizione di Lavoro di Squadra, progetto che noi di ActionAid promuoviamo a Milano nell’ambito della prevenzione e del contrasto alla povertà giovanile, si focalizza su ragazze e giovani che si identificano con il genere femminile, tra i 16 e i 25 anni che rientrano nella condizione di NEET.  

“La condizione di NEET deriva e porta a situazioni di disagio sociale. Ma sono le giovani a vivere situazioni di marginalizzazione maggiore e più in generale a soffrire di una minore soddisfazione rispetto alla propria vita. Questa situazione più dura nel tempo e più è dannosa. Diventa quindi fondamentale promuovere politiche e progetti sul territorio che possano dare nuova fiducia alle ragazze NEET per aiutarle a uscire da questa condizione di fragilità e diventare di nuovo protagoniste del loro futuro” afferma Chiara Parapini, project manager Lavoro di Squadra per noi di ActionAid. 

Lavoro di Squadra coinvolge le ragazze e le giovani donne in un percorso finalizzato alla loro attivazione supportandole nella definizione di un percorso personale.  

L’obiettivo è costruire insieme un progetto lavorativo o formativo, per valorizzarne e scoprirne talenti, competenze e desideri. Il modello si articola attraverso diverse strategie di intervento che vanno da laboratori partecipativi, ad attività creative, come il corso di fotografia.  

Lavoro di Squadra è realizzato da noi ActionAid a Milano, con il contributo di Z Zurich Foundation e in collaborazione con Afol Metropolitana, Istituto Italiano di Fotografia e LaFabbrica.  

“Il nostro continuo sostegno all’iniziativa Lavoro di Squadra rappresenta un ulteriore consolidamento della nostra collaborazione con ActionAid, un partner prezioso che ci ha permesso negli anni di offrire un supporto concreto e mirato alle comunità e al territorio”, commenta Oliviero Bernardi, Head of HR and Services, Zurich Italia. “A due anni dall’inizio della pandemia è tempo di bilanci: le nuove generazioni sono tra le più colpite dallo stato emergenziale e dai suoi risvolti economici, un impatto che si aggrava ancora di più se prendiamo in considerazione il solo genere femminile. Questo progetto vuole regalare alle giovani gli strumenti per riprendere controllo delle loro aspirazioni e della loro crescita, promuovendo quei valori di diversità e inclusione che Zurich sostiene da tempo e che, per fortuna, stanno diventando imprescindibili nel mondo del lavoro attuale.” 

650 giovani coinvolti

Lavoro di Squadra, nato nel 2014 per prevenire e contrastare la povertà giovanile, negli anni è stato implementato in diverse città - fra cui Bari, Reggio Calabria e Torino – intercettando complessivamente oltre 650 ragazzi e ragazze.  A Milano, il progetto viene realizzato dal 2015, prima nel quartiere Gratosoglio e dal 2018 al 2021 nel quartiere Comasina, grazie al contributo di Z Zurich Foundation. Negli ultimi tre anni sono stati coinvolti in totale 102 ragazzi e ragazze e oltre il 70% di loro al termine del percorso ha trovato lavoro, cominciato un tirocinio, iniziato un corso di formazione o istruzione.  Grazie ad un percorso personale vengono valorizzate le competenze e i talenti dei ragazzi e delle ragazze, attraverso sessioni di empowerment, orientamento alla formazione e al lavoro, laboratori di alfabetizzazione digitale e un corso di fotografia, realizzato dall’Istituto Italiano di Fotografia che, tra le diverse attività, ha prodotto una fanzine dal titolo “Vedere Vedersi”: un viaggio all’interno della fotografia come specchio per riflettere sul mondo che ci circonda, ma anche sulla realtà che si dispiega dentro di noi. 

Le protagoniste

Scopri le storie delle ragazze che hanno partecipato alla scorsa edizione di Lavoro di Squadra a Milano.

Come Eleonora, giovanissima ragazza madre che ha partecipato al progetto spinta dalla voglia di costruirsi un futuro e una sua indipendenza; Meliza, che ha visto sparire un’opportunità lavorativa a causa della pandemia da Covid19 ed era in cerca di nuove occasioni; o Claudia che aveva interrotto gli studi sentendosi inadeguata all’università e con le attività di Lavoro di Squadra ha ritrovato autostima in se stessa e scoperto le sue potenzialità.

Photocredit: Martina Cesarini @uncece

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email