🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

La nostra risposta all’esplosione a Beirut | ActionAid

La nostra risposta all’esplosione a Beirut

Siamo sul campo a sostegno della popolazione.

Vicini alla popolazione di Beirut

ActionAid è sconvolta e rattristata dall’orribile esplosione avvenuta a Beirut e i nostri pensieri sono per quanti sono rimasti colpiti.

Si contano almeno 100 morti in poche ore e migliaia di feriti. Prevediamo che il bilancio delle vittime aumenterà e che i devastanti danni che la capitale ha subito lasceranno centinaia di persone senzatetto.

La portavoce Caroline McCausland, Country Director di ActionAid Libano, ha dichiarato:

“I cittadini rimasti feriti stanno accorrendo negli ospedali, spingendoli oltre la loro capacità, e prevediamo che il bilancio delle vittime aumenterà non appena cominceranno le operazioni di bonifica. Sono andate distrutte enormi scorte di cibo e forniture mediche, lasciando il Libano con una riserva di grano sufficiente per soli venti giorni, il che significa che è in arrivo una crisi alimentare.

Si stima che 250.000 persone abbiano perso la propria casa, per cui sarà necessario dare rapidamente alle famiglie alloggi alternativi.

ActionAid è sul campo e lavora con partner locali per sostenere le famiglie già colpite dal Covid19 con forniture essenziali di cibo, kit igienici, maschere e rifugi. La metà della popolazione del Libano vive già al di sotto della soglia di povertà e le persone stanno già fronteggiando una crisi dei rifugiati, il collasso dell’economia, la pandemia, e ora anche questa tragedia.

In caso di emergenza la priorità per noi di ActionAid è sempre quella di garantire la sicurezza di donne e ragazze, che affrontano i maggiori pericoli a seguito di un disastro”.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto!

(photocredit: Aziz Taher/Reuters)

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email