Scorri la pagina

Redistribuzione delle risorse: per un mondo più giusto

La ricchezza e il potere sono nelle mani di poche persone. Ogni giorno, ci impegniamo per costruire una società più equa.

Cosa intendiamo per redistribuzione delle risorse? Quando parliamo di questo tema, ci riferiamo allo squilibrio delle relazioni tra Paesi, al potere e alla ricchezza che sono nelle mani di pochissimi. Una situazione che riguarda tanto l’Italia quanto il mondo intero.

In Italia

La povertà in Italia è un problema sempre più pressante. Circa un terzo della popolazione italiana, per la precisione il 28,7%, è a rischio povertà o esclusione sociale: questo è quanto emerge dai dati Istat. Non soltanto: nel 2017, oltre 4 milioni e mezzo di persone vivevano in condizione di povertà assoluta.

Sono le categorie più deboli a risentirne maggiormente:

  • I NEET (“not in education, employment or training”), giovani che non lavorano, non studiano e non seguono corsi di formazione.
  • Le donne, se si considera che, in Italia, solo il 48,3% ha un lavoro.
  • Le braccianti agricole del Sud Italia, che non hanno accesso alle più basilari misure di welfare.

L’introduzione del REI, il reddito d’inclusione, è stata un importante passo avanti verso una più equa redistribuzione delle risorse in Italia. Ma non basta. Perché occorrono delle misure specifiche per aiutare le categorie più deboli, misure come percorsi di formazione per i giovani e aiuti per inserire le donne nel mondo del lavoro.

Nel mondo

“Fame Zero” è uno degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, da raggiungere entro il 2030. Per rendere l’idea della sua urgenza, basti pensare che, dal 2015 al 2016, la fame nel mondo è aumentata: si è passati da 777 milioni di affamati a 815 milioni di persone che soffrono la fame.

Possiamo raggiungere quest’obiettivo passando per una più giusta redistribuzione delle risorse nel mondo. E possiamo riuscirci:

  • Garantendo a tutti il diritto all’alimentazione.
  • Promuovendo modelli di agricoltura ecosostenibile.
  • Limitando l’influenza delle multinazionali.
  • Riducendo lo spreco di cibo.

Per una società più giusta ed equa

Dobbiamo partire dalla necessità di redistribuire le risorse non soltanto a livello nazionale ma anche a livello globale. A tal fine, le nostre azioni puntano a quattro grandi macro‐obiettivi:

  • Incrementare il livello di consapevolezza e di partecipazione dei poveri.
  • Combattere la povertà, migliorando le politiche di contrasto a livello nazionale e internazionale
  • Aumentare la partecipazione ai processi decisionali delle comunità più povere.
  • Costruire relazioni di solidarietà tra le persone.

Solo così potremo costruire una società più giusta ed equa, dove tutte le persone hanno gli stessi diritti. E, soprattutto, dove le persone possono avere una vita degna di questo nome.