🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

Summer School 2019, il racconto | ActionAid

Summer School 2019, il racconto

40 giovani attivisti da tutta Italia con la voglia di realizzare il cambiamento.

Summer School

Dal 21 al 26 luglio circa 40 giovanissimi attivisti under 30 provenienti da tutta Italia si sono ritrovati a Nardò per laboratori, workshop, approfondimenti su diritti umani, femminismo, migrazioni, disuguaglianze globali.

Una settimana di incontri e, perché no, momenti di divertimento! È la Summer School per i nostri giovani attivisti e attiviste che abbiamo riorganizzato anche quest’anno e che si è tenuta recentemente a Nardò, in provincia di Lecce. Hanno partecipato in 40, provenienti da tutta Italia e con la voglia di ampliare le loro conoscenze e organizzare le prossime iniziative per realizzare il cambiamento a partire dal proprio contesto locale. 

Summer_School1_750

Tutti si sono messi in gioco, dai nuovi arrivi a chi aveva già un’esperienza di attivismo locale alle spalle. 

Quest’anno ha partecipato anche un nutrito gruppo di minori stranieri non accompagnati che, superando gli ostacoli dovuti a un italiano non ancora perfetto, ha contribuito a rendere questa esperienza speciale.

Le attività

Tante le occasioni di approfondimento dei temi che noi di ActionAid affrontiamo con i nostri progetti e le nostre campagne e che guidano la nostra azione: dal femminismo ai diritti umani, dalle disuguaglianze alle politiche migratorie. 

Alcuni laboratori sono stati condotti direttamente dalle attiviste e dagli attivisti, che hanno potuto così sperimentarsi e acquisire autonomia. Un esempio? Il laboratorio sulle modificazioni genitali femminili, guidato da Benedetta, Carolina e Safaa per far conoscere meglio questo tema agli altri partecipanti e quello di Davide “il mio mondo” pensato per individuare problemi e immaginare soluzioni collaborative.

È stata poi la volta degli incontri con i nostri esperti, Roberto Sensi e Francesco Ferri, che hanno approfondito con i ragazzi le politiche sulle migrazioni, sull’accoglienza e sul soccorso in mare a livello internazionale e nazionale. Abbiamo messo in discussione i luoghi comuni su migrazioni e sviluppo, discusso sul rapporto tra migrazioni e ambiente, affrontando temi complessi come le azioni di lobby e advocacy necessarie per raggiungere i propri obiettivi di cambiamento.

Summer_School3_750

Sempre su questi temi è stata organizzata una simulazione di una seduta di consiglio comunale sul tema “porti aperti, porti chiusi” e qui ci ha raggiunto anche il parlamentare Erasmo Palazzotto, che si è complimentato con i partecipanti per il livello di preparazione e competenza che, ha denunciato, a volte non si ritrova tra i colleghi e le colleghe in parlamento.

Cultura e intrattenimento

Un momento emozionante l’incontro con l’attore e attivista senegalese Mohamed Ba, che ci ha guidati con dei laboratori interculturali e commossi con lo spettacolo “il riscatto”, ragionando su come “non tutto quello che è legale è giusto, ma è certo e sicuro che tutto quello che è giusto dovrebbe essere legale per un riscatto di tutti noi”.  

È stata poi la volta di Anas, giovane attivista di 18 anni, che ha conosciuto noi di ActionAid due anni fa tramite un progetto grazie al quale ha scoperto le sue potenzialità, e che alla Summer School ha organizzato un laboratorio sul rap per ben 50 persone scatenando l’entusiasmo!

Summer_School4_750

E ora? 

Negli ultimi giorni abbiamo elaborato vere e proprie strategie locali di cambiamento, a partire dalle campagne #dirittincomune e #ioaccolgo, e preparato una serie di iniziative come la manifestazione “Tutti diversi tutti uguali” tenutasi ad Agrigento il 27 luglio. I giovani e le giovani hanno inoltre proposto una serie di azioni in vista dei 16 giorni di attivismo che le Nazioni Unite lanciano ogni anno in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

“A Nardò ho lasciato una parte del mio cuore. Una parte che voi, con i vostri sorrisi e le vostre storie, mi avete rubato come si rubano le caramelle da bambini” ci ha scritto la giovane Maain. E non possiamo che condividere lo stesso sentimento. 

Summer_School2_750

 


Photocredit: Enrica Cuccarese @tutti i diritti riservati

Condividi sui social:

  • Segui il cambiamento
    Lasciaci la tua email