🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

È online Radio Kivuli.

La radio comunitaria ideata e gestita interamente dai giovani attivisti.

Vai su https://www.spreaker.com/user/radiokivuli

Oltre 10 ragazze e ragazze giovani impegnati a far nascere una radio online, creando approfondimenti su temi globali e locali, come le migrazioni e le discriminazioni di genere, con momenti informativi dedicati all’emergenza Covid19 e il lockdown, e ancora ricette, interviste e musica all’insegna della scoperta e dell’inclusione. È Radio Kivuli, rifugio in lingua swahili, il progetto radiofonico lanciato da ActionAid e animato dai suoi attivisti con l’obiettivo di dare un punto di riferimento e dialogo concreto, e per ritrovare un senso di comunità, anche a distanza. Una risposta creativa nell’emergenza quando i legami comunitari rischiano di indebolirsi e aumenta il senso di isolamento e solitudine.

La quarantena, la mancanza di luoghi fisici di incontro, le preoccupazioni per il futuro post pandemia hanno spinto il gruppo di giovani a trovare un nuovo modo di stare assieme e dare un senso nuovo alla parola partecipazione. Ognuno a casa e a distanza ma in continuo contatto per costruire il palinsesto e le trasmissioni. Un’esperienza positiva che resterà oltre il lockdown e proseguirà nei prossimi mesi.

“In un momento come quello che stiamo vivendo risulta fondamentale mettere in campo una serie di strategie a supporto dei giovani, aiutandoli a trovare il modo di esprimersi e di interagire. Il nostro obiettivo è quello di costruire delle trasmissioni di approfondimento che servano a pensare insieme alla ricostruzione del tessuto sociale dopo questa emergenza, a partire dal rispetto dei diritti di tuttidichiara Antonio Liguori,  community mobilizer di ActionAid Italia. 

Tre i format che danno vita alle diverse puntate.

Stia a casa (chi può): un percorso alla scoperta di esperienze italiane capaci di rispondere in maniera innovativa e solidale alle sfide della società.

Non ci resta che… mangiare: un viaggio alla scoperta della cucina locale, interculturale e da quarantena con un approfondimento sui temi delle disuguaglianze globali e diritto al cibo.

Oltre il confine: un mix fra intrattenimento e informazione. Alcun artisti emergenti animano spazi musicali, creativi e poetici alternati a interviste a personalità della politica, del giornalismo, della cultura e delle battaglie civili.

“Per la rubrica che seguo, Oltre il confine, esce oggi la prima puntata, nella quale affrontiamo la questione della regolarizzazione dei migranti. Un tema tornato in auge nel dibattito politico perché, nell’emergenza sanitaria, si è dovuto necessariamente riconoscere il ruolo strutturale di tutti i lavoratori invisibili, come i braccianti nella filiera agroalimentare. Abbiamo parlato di una regolarizzazione che vada al di là della logica del profitto e della convenienza economica per diventare invece una questione di dignità lavorativa e di giustizia sociale. Speriamo di esserci riusciti” afferma Laura Cirino, attivista e membro della  redazione.

Radio Kivuli è su Spreaker. All’indirizzo www.spreaker.com/user/radiokivuli sono disponibili i podcast delle prime trasmissioni e ogni settimana si arricchisce di nuove puntate e approfondimenti tematici.

Per informazioni:

Dipartimento Comunicazione ActionAid Italia

Paola Amicucci +39.3457549218 – paola.amicucci@actionaid.org

Daniela Biffi - +39 3472613441 - daniela.biffi@actionaid.org

 

Condividi sui social:

  • Segui il cambiamento
    Lasciaci la tua email