ūüć™ Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di pi√Ļ Clicca qui.

ActionAid, ‚ÄúMigliaia di persone a Gaza soffrono la fame. Le scorte di cibo e acqua nel nord sono ormai quasi esaurite‚ÄĚ.¬†

Aiuti per Gaza: raccolta fondi di emergenza. Link donazioni online  https://dona-ora.actionaid.it/emergenze-actionaid/?codiceCampagna=2023_AD_EMGGZ_CS  

Mezzo milione di persone nel nord di Gaza sta affrontando gravi carenze alimentari e malattie potenzialmente letali a causa della mancanza di cibo e acqua. Mentre il bilancio delle vittime ha raggiunto quota 10.000 persone, ActionAid avverte che l'esaurimento quasi totale delle scorte di cibo e acqua sta mettendo ulteriormente a rischio la vita di coloro che sono sopravvissuti a un mese di intensi bombardamenti. Con i mercati che nei prossimi giorni esauriranno le scorte alimentari, nell'ultimo mese la fame è stata ripetutamente usata come arma di guerra.  

Riham¬†Jafari, Coordinatrice¬†di Advocacy e Comunicazione per ActionAid Palestina, ha dichiarato: "A quasi un mese dall'inizio della crisi, pi√Ļ di mezzo milione di persone intrappolate nel nord di Gaza, sopravvissute a malapena agli incessanti bombardamenti, rischiano di morire di fame mentre le scorte di cibo si riducono pericolosamente. Gli aiuti continuano ad arrivare a Gaza, ma anche le piccole quantit√† di cibo e acqua che riescono a superare il confine sono a malapena in grado di essere trasportate a nord, poich√© le strade sono state distrutte dai bombardamenti quasi continui. I casi di disidratazione e malnutrizione stanno aumentando rapidamente. Gli ospedali, che hanno superato la capienza per settimane e settimane, non possono offrire conforto a coloro che sono sull'orlo della fame, poich√© le forniture mediche si esauriscono, il carburante scarseggia e le bombe vengono lanciate indiscriminatamente in tutta Gaza, anche in prossimit√† degli ospedali". ¬†

Heba, che attualmente si trova in un centro di accoglienza delle Nazioni Unite a Gaza, ha parlato della grave carenza di cibo e delle code che la gente di Gaza affronta fuori dalle panetterie, che sono state anche bersaglio di bombardamenti.  "La situazione nella Striscia di Gaza è molto, molto grave. Alcune persone sono state uccise, che Dio abbia pietà di loro, ma il resto morirà a causa della fame. Non c'è cibo al supermercato, né cibo in scatola, né cibo. Per quanto riguarda il pane, dobbiamo fare la fila. Andiamo alle sei del mattino e aspettiamo fino al pomeriggio per averlo. Sempre che si riesca ad avere un po' di pane, ovviamente. Inoltre, l'acqua che beviamo non è adatta al consumo umano".  

Jumana, una madre che si è rifugiata con i suoi figli in una scuola di Gaza, dopo essere stata sfollata da Deir Al Balah, ha parlato dell'impatto sulla salute dei suoi figli piccoli della carenza di cibo e acqua. "C'è sofferenza. C'è poca acqua. Non c'è elettricità. Dormire è scomodo. Il cibo che mangiamo è in scatola e questo ci fa ammalare e ora i bambini soffrono di gastroenterite". 

In media, l'UNOCHA ha riscontrato che le persone attendono fino a sei ore per ricevere solo mezza porzione di pane e molti sopravvivono con appena due pezzi di pane al giorno, secondo l'UNRWA. Le forniture di generi alimentari essenziali come olio, legumi, zucchero e riso sono state quasi del tutto esaurite, e nei prossimi giorni i mercati saranno a corto di questi generi di prima necessità. Con 11 panifici interamente distrutti, le scorte di farina dureranno per 23 giorni, ma senza carburante e acqua non potranno essere utilizzate per fare il pane. A un mese dall'inizio delle ostilità, l'UNOCHA segnala una riduzione del 92% del consumo di acqua, poiché la gente è costretta a bere acqua salmastra o contaminata. La scarsità d'acqua a Gaza sta aumentando il rischio di disidratazione e di insufficienza renale tra i pazienti in dialisi. Le donne incinte e quelle che allattano non sono in grado di produrre latte per i loro neonati a causa della scarsità d'acqua.  

Riham:¬†"Mentre cibo e acqua iniziano a scarseggiare del tutto, le madri faticano a nutrire e a prendersi cura delle loro famiglie, aumentando notevolmente i rischi di malnutrizione, malattie e morte. La morte dei bambini per disidratazione - con i neonati particolarmente a rischio di malattie come la diarrea - √® una minaccia crescente.¬†Le donne e le ragazze usano anche prodotti per il ciclo mestruale pi√Ļ a lungo del previsto, esponendosi a rischi come la sindrome da shock tossico, che non pu√≤ essere curata con le forniture mediche quasi esaurite e gli ospedali completamente sovraccarichi". ¬†

Secondo l'OCHA, tra il 21 ottobre e il 1¬į novembre sono entrati a Gaza solo 26 camion che trasportavano forniture vitali di acqua e servizi igienico-sanitari, il che non √® affatto sufficiente a soddisfare i bisogni essenziali per la sopravvivenza della popolazione. E anche queste limitate forniture non sono state in grado di raggiungere la popolazione del nord, a causa della mancanza di carburante per il trasporto e delle strade gravemente danneggiate dai bombardamenti aerei, lasciandola in condizioni di estremo bisogno.¬† ¬†

Nonostante la disperata carenza d'acqua, le forze israeliane continuano a colpire le infrastrutture idriche critiche, tra cui un serbatoio d'acqua a Tal al Zaatar, nel nord di Gaza, domenica, che ha portato l'acqua a riversarsi nelle strade.   

Myassar, 65 anni, è attualmente rifugiata in una scuola con la sua famiglia, dopo essere stata sfollata due volte. “Non ci sono pannolini, non abbiamo nemmeno latte o vestiti da indossare o acqua da bere. I piccoli vogliono lavarsi, le ragazze vogliono bere, le donne stanno morendo di fame. I piccoli urlano tutto il giorno. Che cosa abbiamo fatto?".  

Riham "Dobbiamo essere chiari: l'uso della fame come arma di guerra è una grave violazione del diritto internazionale umanitario e la negazione dei diritti umani fondamentali. Chiediamo ancora una volta alla comunità internazionale di trovare la propria coscienza e di spingere per la fine delle ostilità. Abbiamo bisogno di un'azione urgente ora: ogni giorno che passa senza un cessate il fuoco avvicina milioni di persone a Gaza all'orlo della fame". 


Per informazioni:¬†¬†¬† Ufficio Stampa ActionAid Italia¬†¬†¬† Alice Grecchi¬†[email protected]¬†/ +39.3395030480¬†¬†¬† Paola Amicucci¬†[email protected]¬†/ +39.3457549218¬†¬†¬†¬†
Daniela¬†Biffi¬†[email protected]¬†/+39.3472613441

Photocredit social: MOHAMMED SALEM
 

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email