🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

Malam | ActionAid

Malam

Il difficile percorso per ottenere un permesso di soggiorno e studiare.

Per andare a scuola e trovare lavoro occorre essere in regola

Malam, 26 anni, viene dalla Guinea Bissau ed è in Italia da cinque anni.

Adesso abita a Bologna, dove ha vissuto molto tempo dormendo in stazione, dopo essere uscito dal centro di accoglienza.

“Non potevo continuare a vivere così”, ci racconta, “Prima si deve essere in regola, poi andare a scuola e trovare un lavoro”.

Per un errore sulla registrazione in Questura relativo alla sua data di nascita, ci ha messo molto tempo ad ottenere un documento e la prima cosa che ha fatto è stata iscriversi a scuola, prendendo la licenza media a giugno scorso. 

Errori di questo tipo sono frequenti, come ci testimoniano anche da Hayat Onlus con cui collaboriamo a Bologna e si traducono in difficoltà maggiori per le persone straniere nell’ottenere documenti e risolvere i propri problemi.

“Ho avuto un permesso temporaneo e posso lavorare. Adesso sono aiuto cuoco in un ristorante”.

Malam è determinato, vuole dedicarsi oltre che al lavoro all’attivismo. Ha chiaro quanto sia fondamentale avere i documenti e potersi iscriversi all’anagrafe e avere accesso a diritti e servizi fondamentali.

Senza residenza? Senza diritti!
L'emergenza sommersa delle persone straniere e italiane escluse dall’anagrafe.
Scopri la campagna #DirittiInGiacenza

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email