🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

Virginia | ActionAid

Virginia

I giovani devono sentire che qualcuno investe su di loro e sulla loro crescita.

“Sono un’insegnante, mi chiamo Virginia Guarnieri, insegno all’Istituto Professionale Oriani Mazzini, a Milano, una scuola di frontiera, che raccoglie un’utenza un po’ fragile.”

Abbiamo conosciuto la Professoressa Guarnieri grazie al progetto Educ-Azione che noi di ActionAid abbiamo svolto nella scuola dove insegna.

A me piace stare nelle situazioni difficili perché credo che lì è dove c’è da fare.

Le chiediamo di raccontarci gli ultimi due anni scolastici, cosa ha comportato la pandemia e la DAD per lei e i suoi studenti.

Ci sono stati parecchi abbandoni. Non c’è nessuno dietro, c’è solo la scuola che ha un rapporto educativo e di partecipazione. Quest’anno gli studenti hanno fatto molta fatica. Se i ragazzi decidono che se ne vanno, se ne vanno.”

Il fenomeno dei NEET, ragazze e ragazzi che non studiano e non lavorano, ha dimensioni importanti in Italia. Il nostro paese detiene il triste primato a livello europeo e si stima che tra i 15 e i 29 anni i NEET italiani siano 2 milioni. Una situazione che è andata peggiorando con la pandemia.

“La crescita è fatica, questi ragazzi fanno fatica” - prosegue Virginia - “devono sentire che qualcuno investe su di loro, sulla loro crescita, formazione, persona. Nella DAD questo non è possibile. L’anno scorso avevamo cominciato ad esempio il progetto con ActionAid. Abbiamo fatto in tempo a conoscere gli operatori e subito siamo andati in lockdown.
Quest’anno gli incontri invece sono stati numerosi, e in due terze abbiamo fatto questo progetto di scrittura creativa che ha avuto molto successo. Servono attività che diano motivazione ai ragazzi e alle ragazze.”

Video di Alberto Martin
Musiche di Edoardo Pacchiotti

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email