🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne  | ActionAid

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne 

Al via la campagna #Call4Margherita per chiedere strumenti di contrasto migliori.

Può bastare una pizza?

Lo scorso agosto una donna, per salvarsi dal compagno violento, ha chiamato la polizia e ha finto di ordinare una pizza. L'agente che ha risposto ha compreso la richiesta di aiuto e l'uomo è stato arrestato. Una storia a lieto fine che però evidenzia la carenza in Italia di strumenti efficaci per contrastare la violenza sulle donne.  

Margherita è il nome simbolico che abbiamo deciso di dare a quella donna, perché rappresenta tutte le donne che ogni giorno rischiano di non trovare aiuto. Ma è anche il nome della pizza che, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, diventa con la campagna Call4Margherita un simbolo di protesta per chiedere strumenti migliori nella lotta alla violenza.  

#Call4Margherita, le pizzerie

Dal 25 novembre al 2 dicembre, grazie alla collaborazione con diverse pizzerie di Milano, Bologna, Roma, Napoli, sarà possibile partecipare alla campagna ordinando una pizza Margherita, che verrà recapitata a casa dai rider Call4Margherita. Pizze consegnate in un cartone realizzato appositamente per la campagna, su cui si potrà leggere il messaggio di protesta: “Margherita 35 anni, ha finto di ordinare questa pizza per salvarsi dal compagno violento. E come lei molte altre donne. Ma finché i Centri Antiviolenza rischieranno di chiudere per mancanza di fondi e servizi sociali, forze dell’ordine, tribunali e ospedali non avranno personale formato per rispondere alle richieste di aiuto, non ci saranno strumenti migliori per combattere la violenza.”

Il Fondo #Closed4women

Come sostenere concretamente i Centri Antiviolenza? Grazie ad un contributo che tutti potranno dare ordinando una pizza Margherita oppure donando online.

Le donazioni andranno ad alimentare il Fondo di pronto intervento #closed4women, che avevamo già attivato durante il primo lockdown, per permettere ai Centri antiviolenza di continuare a lavorare al meglio anche durante questo difficile periodo di pandemia da coronavirus.

“Se ancora oggi una donna deve inventarsi lo stratagemma di fingere di ordinare una pizza per salvarsi dalla violenza significa che il sistema attuale non funziona. Il nostro Paese ha bisogno di un sistema antiviolenza funzionante e duraturo. Solo così le donne potranno finalmente esercitare il loro diritto a vivere una vita senza violenza” dichiara Elisa Visconti, Responsabile della nostra area Programmi.

Ambasciatrice della campagna è Claudia Gerini che si farà portavoce del messaggio sui suoi canali social e sui media.  

 

Sensibilizzare le istituzioni

Vogliamo sensibilizzare il pubblico - ma soprattutto le istituzioni - sul fatto che in Italia esiste un sistema antiviolenza estremamente fragile e che abbiamo bisogno di strumenti più efficaci.

Per questo abbiamo incontrato il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, la Ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti e la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa per consegnare la pizza Call4Margherita e chiedere strumenti più efficaci contro la violenza. 

“Consegnando una semplice pizza abbiamo voluto lanciare un messaggio forte alla politica perché il nostro Paese ha bisogno di un sistema antiviolenza funzionante e duraturo. Chiediamo che il nuovo piano antiviolenza sia rispondente ai bisogni delle donne e degli attori coinvolti, adeguatamente e prontamente attuato e finanziato, anche per le emergenze, e dotato di una governance forte e continuativa. Ciò significa che la violenza maschile contro le donne deve essere all’ordine del giorno nelle agende politiche di tutte le componenti del Governo e del Parlamento, 365 giorni all’anno.” Ha dichiarato Katia Scannavini nostra Vice Segretaria in occasione degli incontri.  

I ritardi cronici nell’erogazione dei Fondi antiviolenza hanno un grave impatto sulla vita delle donne. Durante la pandemia, nonostante un decreto che prevedeva di accelerare il trasferimento di fondi dalle Regioni ai Centri antiviolenza per coprire le spese dell’emergenza sanitaria, solo il 10% dei fondi stanziati a livello nazionale è stato effettivamente erogato. 

Le foto dell'incontro con la Ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti, il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa:
 | Actionaid
 | Actionaid
 | Actionaid
 | Actionaid
 | Actionaid
 | Actionaid
 | Actionaid

Scarica e leggi il rapporto: “Tra retorica e realtà. Dati e proposte sul sistema antiviolenza in Italia” 

La campagna su TikTok

L’intera iniziativa è, inoltre, amplificata online grazie al coinvolgimento di diversi creator e influencer e ad una campagna su TikTok.  La piattaforma per la creazione e condivisione dei video brevi prescelta da Gen Z e Millennial, ci permette di raggiungere e sensibilizzare anche i più giovani.

La campagna prevede l’attivazione di una Hashtag Challenge dedicata #Call4Margherita e l’utilizzo di un effetto creato da TikTok per l’occasione con una musica di Edoardo Pacchiotti. Mimando il gesto del telefono, appare sullo schermo lo stesso cartone della pizza utilizzato nella campagna offline. Tra i creator coinvolti Martina Socrate, Dayoung Clementi, Tasnim Ali e Giovanni Arena, che hanno chiesto ai loro follower ad unirsi alla Challenge.

La campagna sarà inoltre sostenuta sui canali digitali da Rosato Gioielli al nostro fianco nella lotta alla violenza sulle donne.  

Partecipa a #Call4Margherita

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email