🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

L’agroecologia come risposta ai cambiamenti climatici | ActionAid

L’agroecologia come risposta ai cambiamenti climatici

Nella contea di Isiolo, in Kenya, un progetto per garantire la sicurezza alimentare.

Progetto Sampak

I cambiamenti climatici portano al ripetersi, sempre più frequente e in più zone del mondo, di eventi estremi.
È così anche in alcune zone del Kenya, dove lavoriamo dal 1972, particolarmente colpite da periodi di siccità sempre più estrema alternati a forti alluvioni. Uno scenario che rende la coltivazione e la pastorizia delle vere e proprie sfide per la popolazione.

Una delle zone aride maggiormente colpite da questi fenomeni e dalla conseguente erosione del suolo è la Contea di Isiolo, a nord est di Nairobi.

Qui dal 2019 abbiamo attivato il progetto SAMPAK – Modelli Agroecologici di produzione sostenibile nelle aree aride e semi aride del Kenya – in collaborazione con CESVI e il nostro partner locale MID-P grazie al finanziamento dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e dei fondi 8x1000 della Chiesa Valdese.

Il progetto vuole fornire strumenti e competenze alle comunità della zona così che possano focalizzarsi su forme di agropastorizia e agroecologia che le rendano resilienti ai cambiamenti climatici e capaci di prodursi il cibo di cui necessitano. L’obiettivo è ambizioso: tramite la formazione di 94 “agricultural champions” che faranno poi da tutor al resto della comunità, vogliamo aiutare 7800 agropastori nella transizione verso attività miste di pastorizia e coltivazione.

“Nel 2014 ActionAid ha costruito un sistema idrico che ha permesso di rifornire le nostre fattorie e irrigare le piantagioni. Ciascuno aveva 2 ore al giorno a disposizione per irrigare i propri campi. Io ho piantato diversi tipi di vegetali da poter vendere”, racconta Consolata, che abita nel villaggio di Kakili ed è un’attivista del gruppo “Voice of Women” di Isiolo.

Consolata è adesso tra i tutor del progetto: “Ho formato altre donne del villaggio su come migliorare le loro tecniche di coltivazione e passare all’agroecologia per una produzione più sostenibile sia a livello economico che ambientale, evitando l’uso di pesticidi.”

Le formazioni hanno riguardato e stanno riguardando tuttora anche i metodi di conservazione delle sementi e il mantenimento della biodiversità, un’esigenza che era emersa tra le persone della comunità.

A causa degli effetti dei cambiamenti climatici, le comunità sono spesso a rischio di carestia. Sviluppando modelli di agricoltura sostenibile, resiliente e favorendo la biodiversità, puntiamo a garantire la sicurezza alimentare, permettendo un’alimentazione varia e scorte sufficienti di cibo tramite una gestione ottimale delle risorse naturali, in collaborazione con le autorità locali e nazionali.

Scopri la storia di Amina, una delle “agricultural champion” del progetto.


L’attività a cui ha preso parte Amina rientra nel progetto “Modelli Agreocologici di Produzione Sostenibile nelle ASAL del Kenya (MAPSAK)AID_011887” sostenuto dalla Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e dai fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email