🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di piĂą Clicca qui.

La lotta alla violenza di genere non va in lockdown | ActionAid

La lotta alla violenza di genere non va in lockdown

Scuole chiuse? La prevenzione va online con un nuovo corso di formazione.

Scuole chiuse

Mesi di lockdown, scuole chiuse, le opportunitĂ  sul piano delle opportunitĂ  educative e di cittadinanza attiva e consapevole ridotte drasticamente, comunitĂ  educanti sui territori che, privi dei luoghi fisici di incontro e scambio quotidiano, si interrogano con quali strumenti e modalitĂ  colmare i gap.

“Ci siamo attivati subito come ActionAid per supportare le scuole nel loro ruolo educativo e comunitario, rimodulando alcune attività progettuali di Agente 0011 e Youth for love e cercando di cambiare prospettiva: non vedere nella didattica digitale solo un limite, ma ripensare l’approccio educativo e metodologico coniugando il meglio delle opportunità delle metodologie blended con un orizzonte ampio temporale”, afferma Maria Sole Piccioli, Focal Point Education. 

All’interno di questa strategia, noi di ActionAid insieme a La Fabbrica (ente accreditato MIUR 170/2016) abbiamo elaborato il corso di formazione online  “SDG 5 e il ruolo della scuola nel contrasto e nella prevenzione della violenza di genere”, che si inserisce appieno nelle Linee guida nazionali del MIUR per l'attuazione del comma 16 della legge 107 del 2015 per la promozione dell'educazione alla parità tra i sessi e la prevenzione della violenza di genere. 

“Il corso nasce dalle attività formative e laboratoriali di Youth for Love che stanno continuando con dei webinar con docenti e studenti, per fornire ai e le docenti, anche coloro che non partecipano al progetto specifico, efficaci strumenti pratici e teorici per decostruire gli stereotipi di genere e sviluppare abilità e competenze, in particolare quelle di cittadinanza attiva, per il rispetto delle pari opportunità per tutte e tutti, contrastando fenomeni di bullismo e ogni altra forma di violenza o discriminazione”, afferma Corinne Reier, school expert di Youth for Love. 

All’interno di una società in continua trasformazione, è opportuno promuovere una educazione che sappia accogliere e valorizzare la diversità, e che formi cittadini consapevoli, responsabili e inclusivi. 

Durante il processo di crescita vari stereotipi perpetrati nella nostra società legati al genere, alla condizione sociale, all’origine, all’orientamento sessuale, condizionano i comportamenti e sono spesso alla base di violenza e bullismo. La violenza di genere tra i/le adolescenti è un fenomeno complesso e strutturale che si manifesta in molteplici forme e colpisce milioni di bambine e bambini, famiglie e comunità (dati UNESCO e UN Women). L’intera comunità educante gioca un ruolo chiave nella prevenzione e nel contrasto alla violenza di genere. In particolare le scuole hanno la responsabilità etica e legale di prevenire la violenza di genere ed educare al rispetto e alle differenze e di gestire adeguatamente gli episodi di violenza attraverso programmi educativi e procedure facilmente attuabili, in collaborazione con attori chiave del territorio. 

Il corso online 

Il corso è diviso in 4 moduli di contenuto e approfondimento e un 5 modulo che raccoglie proposte didattiche concrete e flessibili dedicate a tutti i gradi scolastici per stimolare la decostruzione degli stereotipi e fornire a studenti e studentesse la conoscenza e gli strumenti per riconoscere e contrastare la violenza di genere. 

In particolare il Modulo 1 approfondisce l’ inquadramento teorico e legislativo riguardo alla violenza di genere con particolare attenzione alla Convenzione di Istanbul e all’obiettivo di Sviluppo Sostenibile 5, nel quadro dell’Agenda 2030; il Modulo 2 affronta la questione e il problema degli stereotipi di genere che sono alla base della violenza di genere; il Modulo 3 tratta le varie forme di violenza con l’obiettivo di fornire ai/le partecipanti strumenti concreti per riconoscerle e affrontare la tematica in classe; il Modulo 4 affronta il ruolo della comunità educante nella prevenzione e nel contrasto alla violenza di genere fornendo ai/le partecipanti elementi teorici e pratici utili per coinvolgere la comunità di riferimento e aprire la scuola al territorio.

Il webgame Youth4love

Tra gli strumenti educativi online promossi il serious game dedicato ai e alle giovani Youth for Love che affronta i temi della violenza di genere e del bullismo, nell'ambito dell'omonimo progetto . 

Al termine del corso e dopo la compilazione di un questionario finale, i/le partecipanti riceveranno un attestato che potranno consegnare alla segreteria della propria scuola affinché sia inserito nel portfolio personale o caricarlo direttamente sulla piattaforma ministeriale S.O.F.I.A.

Il webinar gratuito 

Mercoledì 13 maggio alle ore 17, ne parleremo nel corso di un webinar con Corinne Reier, School Expert progetto Youth for Love- ActionAid, e Mirella Adamo, direttrice responsabile del corso. Insieme a loro scopriremo come contrastare il bullismo e gli stereotipi a scuola, affrontare il tema delle pari opportunità e promuovere un'educazione in grado di accogliere e valorizzare la diversità e che formi cittadini responsabili, inclusivi, attenti alla sostenibilità di azioni e comportamenti.

Clicca qui per registrarti al webinar

Consulta il programma


Per maggiori informazioni sul corso di formazione potete scrivere a: educazione.ita@actionaid.org.

Condividi sui social:

  • Segui il cambiamento
    Lasciaci la tua email