🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

OpenSpace | ActionAid

OpenSpace

Il risultato di un grande lavoro insieme.

Spazi di partecipazione attiva

Quattro anni dopo l’avvio di OpenSpace, progetto selezionato da Con i Bambini (nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile), abbiamo proposto agli studenti e alle studentesse di raccontare personalmente le attività svolte, tramite un dialogo molto informale con personaggi del mondo dello spettacolo e della rete, molto seguiti da ragazzi e ragazze delle medie e delle superiori.

Ed eccoci, in visita a Milano e Reggio Calabria - due dei territori coinvolti nel progetto, oltre a Bari e Palermo - insieme a Francesco Centorame, attore emergente e noto per essere parte del cast della serie tv SKAM, e alla content creator attiva su Instagram e TikTok Dayoung Clementi.

Con Francesco e Dayoung abbiamo trascorso due giornate in compagnia di studenti e studentesse: ci hanno guidati attraverso i luoghi rigenerati della scuola con le aule fornite di nuove attrezzature ma, soprattutto, ci hanno raccontato cosa significa per loro andare a scuola e cosa si immaginano per il loro futuro.

Alla scuola media Meda-Ferrarin di Milano, accompagnati da Carlo e Sofia, due giovanissimi rappresentanti di istituto, abbiamo visitato il Centro di Aggregazione Multifunzionale (CAM) Mondolfo dove, insieme a professori e comunità educante, sono nate proposte di interessanti corsi e iniziative per creare un luogo dove incontrarsi in aggiunta alla scuola.

A Reggio Calabria, gli studenti e studentesse dell’Istituto magistrale T. Gulli hanno esposto il loro progetto “Di che talento sei” per far emergere idee imprenditoriali. "Credere nelle proprie potenzialità, ma anche guardare alla propria città come un luogo dove poterle coltivare" è stato uno degli argomenti più discussi.
Se gli anni delle medie erano un ricordo più remoto, il liceo è un’esperienza non troppo distante per Francesco Centorame e Dayoung Clementi che hanno condiviso con i ragazzi le proprie esperienze per motivarli a seguire le proprie passioni, facendo squadra per creare quelle possibilità che la città fatica ad offrire.

Due incontri con età diverse, bisogni diversi e diversi punti di vista sul futuro. Eppure due mondi molto simili per l’energia che sprigionano ragazzi e ragazze quando sono coinvolti nel dire la loro, quando trovano orecchie per ascoltare i loro sogni e per responsabilizzarsi sulle problematiche che potrebbero emergere. Due incontri per sintetizzare un progetto che si è protratto nel tempo, proprio per dare il tempo di far sviluppare un costruttivo dialogo tra giovani, scuola e comunità educante. Perché – prendendo in prestito le parole di Francesco Centorame - vorremmo che la scuola fosse anche questo: “Un luogo dove apprendere ma anche sentirsi parte di qualcosa, dove non aver timore di esprimersi e muovere i primi passi di chi saremo domani.”


Il progetto “OpenSpace: Spazi di Partecipazione Attiva della Comunità Educante” ha sperimentato un modello integrato di attività di contrasto alle diseguaglianze educative in quattro città italiane (Milano, Bari, Reggio Calabria e Palermo) attraverso il miglioramento dell’accesso a un’istruzione inclusiva e di qualità per pre-adolescenti e adolescenti, in particolare per quelli appartenenti a famiglie in difficoltà. Il capofila è ActionAid e i partner sono Fondazione Albero della Vita, Fondazione Mondo Digitale, Junior Achievement, Cittadinanzattiva, Mario Cucinella Architects, Arteteca/ Inward, FEDERGAT, Fondazione Giovanni Paolo II,  Bayty Baytik; il soggetto valutatore è LEAP/ Bocconi.

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. 

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email