🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

150 giovani per gli Europei dell’inclusione sociale | ActionAid

150 giovani per gli Europei dell’inclusione sociale

A Napoli arriva “Dialect” il progetto contro discriminazioni e razzismo.

I discorsi d’odio trovano terreno fertile soprattutto tra gli adolescenti.

Da questa constatazione parte la voglia di sperimentare una nuova pratica calcistica per promuovere l’inclusione sociale. Combattere odio e razzismo.

Nasce il progetto “DIALECT - Sconfiggere la polarizzazione: costruire comunità fondate sul rispetto reciproco attraverso il calcio” che coinvolgerà i giovani di quattro paesi europei, Italia, Grecia, Serbia e Ungheria.

Al centro del progetto il calcio come strumento per promuovere i diritti umani e combattere l'intolleranza e la xenofobia.

In Italia il progetto si svolgerà sul territorio della Città Metropolitana di Napoli e coinvolgerà 150 adolescenti, con background migratorio e non, che parteciperanno a un torneo itinerante dall’area nord della città al centro storico, passando per la periferia occidentale, all’area Flegrea fino al litorale Domizio.   

Grazie alla metodologia innovativa Football3 i ragazzi e le ragazze verranno aiutati a sviluppare il fair play promuovendo uguaglianza e rispetto. In Football3 non ci sono arbitri e allenatori.

Le regole del gioco vengono discusse e concordate insieme dalle squadre in collaborazione con giovani mediatori e mediatrici di comunità. Vince chi ottiene più punti in base alle regole e non in base al numero dei gol segnati.

La stessa metodologia consentirà ai rappresentanti della società civile e degli enti locali di identificare e contrastare forme di discriminazione e intolleranza.

Le famiglie, insieme agli educatori e ai rappresentanti istituzionali, saranno coinvolte in una ricerca sulla percezione della connessione esistente tra attività sportiva giovanile e diffusione dei discorsi d’odio. Verranno anche formati 10 giovani mediatori e mediatrici di comunità. Svilupperanno le loro capacità di risoluzione di conflitti diventando un punto di riferimento tra pari.

“DIALECT diffonde il messaggio del calcio per tutte e tutti, privo di retoriche estremiste e discriminanti. Giovani protagonisti e protagoniste impareranno a giocare in modo diverso sperimentando nuove capacità di risoluzione dei conflitti. Inoltre, l'obiettivo è anche quello di riunire adolescenti e famiglie, organizzazioni della società civile, associazioni sportive, autorità municipali e pubbliche per creare una forte rete in grado di costruire una nuova idea di comunità inclusiva” afferma Daniela Cabalbo Project Manager DIALECT per noi di ActionAid Italia.


DIALECT è cofinanziato dal Programma diritti, uguaglianza e cittadinanza 2014-2020 dell'Unione europea. In Italia è promosso da ActionAid, in Grecia da ActionAid e dal Centro nazionale per la ricerca sociale, in Ungheria da Otlalom Sport Association, in Serbia da Football Friends e si svolge in collaborazione con Streetfootballworld in Germania e Melissa Network in Grecia.

Condividi sui social:

Segui il cambiamento
Lasciaci la tua email