🍪 Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di più Clicca qui.

La casa come presupposto per l’integrazione dei migranti | ActionAid

La casa come presupposto per l’integrazione dei migranti

Un’analisi qualitativa del contesto napoletano.

Integrazione e diritto alla casa.

I migranti rappresentano una componente particolarmente debole della domanda abitativa in Italia e ciò dipende non solo da una posizione di svantaggio economico, ma anche dall’esistenza di forme di subordinazione sociale, politica e giuridica.

I percorsi abitativi di chi esce dal sistema di accoglienza risultano ancora più ardui, spesso aggravati dall’assenza di reti di comunità solide sul territorio e dal pregiudizio discriminante che li accompagna nel discorso pubblico, in particolare negli ultimi anni.

Il report “Geografie dell’abitare migrante e diritto alla città. Un’analisi qualitativa del contesto napoletano”, elaborato nell’ambito del progetto “This must be the place” per l’inclusione sociale di giovani migranti, estende la prospettiva dall’alloggio – come spazio di intimità e di vita privata – al più ampio concetto di abitare: la casa rappresenta il nodo di interazioni molteplici (tra la dimensione abitativa e, ad esempio, quella lavorativa, tra relazioni sociali prossime e più ampie, tra spazi privati e pubblici, tra diversi attori sociali) e la possibilità di accedere agli spazi della vita urbana, della partecipazione politica, alle forme dell’appartenenza alla comunità, oltre il perimetro giuridico dell’istituto della cittadinanza.

NAPOLI_Narici2_1000

A partire dalla ricognizione dei tratti più significativi dell’insediamento abitativo migrante nel capoluogo campano, il rapporto evidenzia lo scarto esistente tra il desiderio abitativo delle e dei migranti e la loro concreta esperienza abitativa, individuando possibili azioni per la costruzione di forme dell’abitare più inclusive e capaci di coinvolgere tutti, migranti e non, nella produzione collettiva di spazi pubblici e nella diffusione di pratiche di riuso del patrimonio, come l’auto recupero, in cui il valore della relazione interculturale sia prioritario.

Condividi sui social:

  • Segui il cambiamento
    Lasciaci la tua email